HOSPITALITY

Yellow Square arriva anche a Firenze

Dopo Milano e Roma, Yellow Square approda a Firenze nei pressi della Fortezza da Basso in uno spazio di cinquemila metri quadrati ristrutturati dallo studio fiorentino Pierattelli Architetture

YellowSquare Firenze

Nasce dalla riconversione di un’architettura degli anni Trenta di Firenze il nuovo indirizzo di YellowSquare, l’ostello che ha inaugurato un format alternativo di concepire il viaggio e le relazioni interpersonali. Uno spazio dinamico, giovane e interculturale pensato per chi è di passaggio in città ma anche uno spazio polifunzionale e inclusivo, che punta sulla capacità di attivare relazioni organizzando numerose attività, dalle cooking lessons ai corsi di yoga al tramonto, passando per spazi di coworking.

Un modello nato da un’idea di Fabio e Marco Coppola che vent’anni fa aprivano a Roma il primo “ostello esperienziale”, seguito nel 2021 dall’apertura di Milano. A firmare il progetto, che si sviluppa su un’area di 5mila mq, lo studio Pierattelli Architetture, inizialmente focalizzato sulla progettazione di headquarters aziendali e sedi bancarie, che si è allargato anche al settore residenziale e al mondo del product design e da anni si confronta con l’evoluzione del concetto di ospitalità.

I valori di condivisione che sono la filosofia del brand li ritroviamo nel disegno del bar, del ristorante, nella cucina a disposizione degli ospiti come nelle aree comuni, improntate sul senso di scambio e incontro informale. L’esperienza food & beverage si sviluppa su tre livelli: dal basement, luogo fertile per la cultura underground e i cocktail della notte da provare nel cosiddetto Bargiù, al Barmezzo per tutti i piaceri del giorno, al Barsù. Fiore all’occhiello del progetto il rooftop con piscina e solarium, con una vista impareggiabile sullo skyline di Firenze, ricavato dall’eliminazione della falda del sottotetto.

Il progetto di riqualificazione attuato da Pierattelli Architetture mantiene i principali elementi strutturali tipici dell’architettura razionalista dell’edificio. Un materiale nobile come il travertino è stato utilizzato per il portale, la gradinata, la grande zoccolatura e per incorniciare i profili delle ampie aperture in facciata. Dalla gradinata si accede alla hall, con annessa area ristoro e zona bar/ristorante con cucina. Al piano terra sono collocate alcune stanze, uno spazio adibito a guest kitchen e uno riservato alle cooking lessons, oltre a quelli di servizio per la ristorazione. Nel basement, oltre all’autorimessa, ai locali tecnici e agli spazi di deposito e servizio, è stata invece realizzata un’area club.

Composto da due corpi di fabbrica – il primo distribuito su sei livelli, il secondo su un unico fuori terra – YellowSquare Firenze ha una capienza di 250 posti letto distribuiti in stanze da quattro a otto posti, e conta anche 12 stanze private. Colori vitaminici, dai toni accesi del giallo e dell’arancione a quelli più freddi del verde e dell’azzurro, sono protagonisti del progetto e trasmettono un senso di accoglienza ed energia.