Europe

Swiss sound

Classica, pop, rock, blues… La musica è uno dei punti di forza dell’offerta turistica delle città elvetiche: grazie a sale da concerto dall’acustica eccellente e suggestive location open air

La statua di Freddie Mercury a Montreux, courtesy myswitzerland.com

Quando si pensa al panorama musicale svizzero viene spontaneo pensare al Montreux Jazz Festival, l’importante manifestazione ideata nel 1967 dall’imprenditore Claude Nobs, noto anche come Funky Claude, che si svolge tutte le estati sulle sponde dell’incantevole Lago Lemano. Nel corso degli anni sui palchi della città lacustre si sono esibite star musicali del calibro di Nina Simone, Aretha Franklin, Ella Fitzgerald, Marvin Gaye, Miles Davis e, più recentemente, Radiohead, Ed Sheeran, Adele, Lady Gaga… (per il programma del festival quest’anno, che si svolgerà dal 5 al 20 luglio: www.montreuxjazzfestival.com).

courtesy myswitzerland.com

Senza contare i grandissimi David Bowie e Freddie Mercury che, oltre a partecipare al Montreux Jazz Festival, scelsero di vivere e incidere molti loro album sulle sponde del Lemano. Tra il 1976 e il 1998 il primo abitò a Blonay, sopra Vevey, poi nello Château du Signal, un maniero di 20 camere a Epalinges, sopra Losanna. Il frontman dei Queen acquistò addirittura una casa: la Duck House, sul lungolago di Montreux, e vi passò parecchio tempo negli ultimi 10 anni di vita. Per ricordare il suo legame con la città, in Place du Marché – punto nevralgico della passeggiata lunga circa 13 chilometri che costeggia le sponde del lago – c’è una statua di bronzo che lo rappresenta, diventata il luogo preferito dai turisti per farsi un selfie: tanto che in estate bisogna fare la coda per fotografarsi con “Melina”…

Sempre a Montreux, Mercury e i Queen tra il 1978 e il 1995 registrarono ben 6 album nei Mountain Studios, situati nel casinò Barriére. Da non perdere la mostra permanente allestita all’interno di questo edificio: attraverso video, immagini, appunti, manoscritti originali delle canzoni e oggetti vari l’esposizione ripercorre fedelmente l’avventura musicale di Freddie & CO. e la storia d’amore della band con la cittadina. Storia brillantemente riassunta nelle parole che “Melina” scrisse all’amica Montserrat Caballé: «Se cerchi la pace dell’anima, vieni a Montreux».

courtesy myswitzerland.com

Oltre a quest’ultima località, tutta la Svizzera è in realtà ricchissima di eventi musicali e, a livello europeo, presenta la maggior densità di festival open air e rassegne dedicate. Qualche esempio? Il Paléo Festival di Nyon, uno dei più importanti della nazione, che ogni anno ospita non solo artisti di successo, ma anche gruppi emergenti e artisti di strada. Quest’anno si svolgerà dal 23 al 28 luglio con un ricchissimo programma che spazia dal rock – ci sarà anche la mitica Patti Smith! – all’electro, dal pop-funk al rap, dall’afrobeat alla musica classica e tanto altro ancora, per esempio, il concerto del musicista bosniaco Goran Bregović che si esibirà nella sezione “Village du monde” (www.paleo.ch).

Il Paléo Festival di Nyon, courtesy Paléo Festival

Un’altra manifestazione musicale importante è il Gurtenfestival della capitale Berna, da mercoledì 17 luglio a sabato 20 luglio che, in media, ogni anno attrae circa 80.000 appassionati di musica (https://gurtenfestival.ch). Gli artisti che si esibiranno sono circa una quarantina. Qualche nome? Nelly Furtado, Peter Fox, Jungle, Justice… Sempre a Berna, fino al 25 maggio, si svolge l’Internationales Jazzfestival all’interno della Marians Jazzroom, presso l’Unique Hotel Innere Enge, che può accogliere 135 spettatori (www.jazzfestivalbern.ch).

Il Gurtenfestival a Berna, courtesy myswitzerland.com

Ricca anche l’offerta di Basilea. A cominciare dal Jazzfestival che nel 2024 dura dall’8 aprile all’8 dicembre: non solo jazz, ma anche funk, soul e musica globale, generi musicali suddivisi in varie sezioni che quest’anno sono “Grandi voci”, “Pianisti nel jazz”, “Musica cubana”, “Mali e Sudafrica”, “Musica classica e jazz” e “Musica orientale” (www.offbeat-concert.ch/series-2024). Dal 26 al 29 giugno si terrà anche il Summerstage Basel, un festival open air dedicato alla musica rock, blues e pop (www.summerstage.ch).

courtesy myswitzerland.com

Impossibile elencare tutti gli appuntamenti proposti in una città dove gli amanti delle sette note trovano tutto ciò che possono desiderare: basti ricordare che star della musica mondiale e nuove promesse a Basilea danno prova del loro talento nei contesti più svariati, come il Bird’s Eye, uno dei jazz club più amati d’Europa, o al Floss, un palco galleggiante sul fiume Reno – dove la prossima estate dal 6 al 24 agosto si svolgerà un festival open air con artisti regionali e internazionali – e nelle sale concerto dello Stadtcasino, tutte caratterizzate da un’acustica eccellente (non a caso questo edificio è il quartier generale dell’orchestra sinfonica e da camera della città).

Cully Jazz Festival, courtesy Cully Jazz Festival Ben Photographe

Spettacoli musicali per tutti i gusti nella già citata Losanna, capitale del Canton Vaud e sede del Comitato olimpico internazionale. In questi giorni è in corso il Cully Jazz Festival, che si tiene appunto a Cully, delizioso borgo vinicolo a 10 minuti dalla città (fino al 13 aprile, https://www.lausanne-tourisme.ch/en/event/cully-jazz-festival). Imperdibile la Festa della musica (Fête de la musique) che ogni anno anima il giorno del solstizio d’estate: il 21 giugno strade, piazze, giardini pubblici e chiese di Losanna si trasformano in palcoscenici che ospitano musica declinata in tutti i generi (https://lausanne-tourisme.ch/en/event/festival-de-la-cite-lausanne).

Il Festival de la Cité, courtesy Jessy Marchetti

A chi vuole saperne di più sulla scena musicale svizzera si consiglia il Label Suisse, dal 13 al 15 settembre, festival urbano di musica popolare (https://labelsuisse.ch).
Anche se è stato aperto lo scorso gennaio, il Jumeaux Jazz Club è già diventato un punto di riferimento importante per gli amanti del genere e offre un ricco e interessante programma durante tutto l’anno (https://www.jumeaux.club/programmation-complete). Le persone che amano la musica classica o l’operistica possono scoprire il programma dell’Orchestra da camera di Losanna sul sito https://www.ocl.ch/concerts o prenotare un biglietto all’Opera di Losanna per assistere al Nabucco di Giuseppe Verdi (2, 5, 7, 9 o 14 giugno) collegandosi al sito https://www.lausanne-tourisme.ch/fr/evenement/nabucco-giuseppe-verdi-1813-1901.

courtesy Yuri Tavares

Tra gli altri appuntamenti da segnare in agenda l’OpenAir, un festival all’aperto che dal 1977 si tiene vicino alla città di San Gallo. Accoglie più di 100.000 persone a ogni edizione e nel passato ha visto esibirsi artisti di punta quali i Metallica, INXS, Joe Cocker, Santana, Deep Purple… (www.openairsg.ch). L’edizione di quest’anno, in programma dal 27 al 30 giugno, prevede la presenza di artisti di tutti i generi musicali, provenienti dai vari continenti, che si esibiranno sui due palchi collocati nell’idilliaco scenario di Sittertobel, immerso nel verde.

Il centro congressi che ospita il Lucern Festival, courtesy myswitzerland.com

Ricchissime le proposte anche per quel che riguarda la musica classica con festival annuali di grande prestigio, come il Lucerne Festival, il Zuercher Festspiele (il festival di Zurigo), le Settimane musicali ad Ascona, il Menuhin Festival a Gstaad. O ancora, il Septembre Musical a Montreux-Vevey e il Verbier Festival & Academy.

Info generali sulle destinazioni e sui concerti: www.myswittzerland.com