DESTINATIONS

La lunga storia di Monselice

In provincia di Padova, il fascino medievale di un’antica dimora patrizia rivive in eventi e iniziative culturali

La Rocca di Monselice, di proprietà della Regione Veneto, conserva la tipica, affascinante atmosfera di un borgo medioevale. Il primo nucleo, la torre difensiva, fu edificato nell’XI sec, aggiunte successive la trasformarono in una sontuosa dimora patrizia (XVI sec).

Nella lunga storia del luogo vi è anche il passaggio di Federico II che nel 1239 dichiarò Monselice sua “camera speciale imperiale”, e fece erigere all’interno della rocca il Mastio Federiciano, imponente torrione che sovrasta la città. Ancora oggi i colori araldici – bianco e rosso – dei vessilli dell’amministrazione comunale sono quelli che furono attribuiti alla città dall’imperatore.

A ricordo della presenza dello ‘Stupor Mundi’ nel 2021 è stato ideato il concorso gastronomico ‘Il piatto di Federico II, dove il regolamento prevede che i partecipanti al concorso debbano utilizzare esclusivamente ingredienti e prodotti in uso ai tempi dell’Imperatore. Il vincitore della seconda edizione è il piatto ‘Egina – Coffee Wine Food–(Egina fu regina della Rocca di Monselice). Nella ricetta premiata: anatra di cortile disossata e ripiena. In accompagnamento un calice di Friularo 2019 della Cantina Bertazzo di San Cosma.

Monselice propone ogni anno molte attività culturali, percorsi enogastronomici, naturalistici e anche cammini religiosi. Ma la maggiore attrazione turistica è la Giostra della Rocca, giunta alla sua 38 edizione, che quest’anno si svolge dall’ 8 al 17 settembre. Una sfida tra nove Contrade (Ca’ Oddo, Carmine, Marendole, Monticelli, San Bortolo, San Cosma, San Giacomo, San Martino, Torre) impegnate in gare e giochi di sapore medioevale che si conclude con una sfilata di oltre mille figuranti in costume d’epoca e con la gara della Quintana, dove viene consegnato il Palio alla contrada vincitrice (drappo dipinto dall’artista Luciano Zambolin). Gli eventi sono realizzati grazie al prezioso contributo dei soci volontari della Pro Loco che quest’anno compie 40 anni.