EVENTS

Il volo di Icaro sui colli vicentini

Dal 27 marzo si tiene il summit mondiale di parapendio e di deltaplano, cinque giorni di gare spettacolari lungo l’arco delle Prealpi trevigiane e vicentine

Dal 27 marzo al 1 aprile il Torneo del Montegrappa riunisce per 5 giorni il gotha mondiale degli sport di parapendio e di deltaplano – due competizioni separate ma che si svolgono nelle stesse giornate – uno spettacolo unico che ha come scenario i cieli dell’area della fascia pedemontana del Massiccio del Grappa, una zona di piccoli borghi arroccati, di splendidi panorami e di luoghi di arte e di storia.

Il summit mondiale di parapendio e di deltaplano vede coinvolti in due gare separate ma contemporanee, 150 piloti di parapendio, professionisti selezionati tra i migliori del mondo e provenienti da venti nazioni, e 48 piloti di deltaplano scelti fra gli eccellenti di questa sport.

La sfida si svolge lungo l’arco delle Prealpi trevigiane e vicentine, passando per il Massiccio del Monte Grappa Mab Unesco (Man and the Biosphere-MAB è un programma scientifico intergovernativo avviato dall’UNESCO nel 1971 per promuovere su base scientifica un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente attraverso la tutela della biodiversità e le buone pratiche dello Sviluppo Sostenibile).

Nel Trofeo Montegrappa, le fasi di decollo e atterraggio sono spettacolari: i piloti saranno visibili dai Colli Asolani ai colli vicentini (Malo, il Monte Carega e il Monte Pasubio a ovest) per decine di chilometri di cielo. Gli atterraggi ufficiali saranno al confine tra le province di Treviso e Vicenza: a San Giacomo a Romano d’Ezzelino, Garden Relais, Paradiso e San Pierin a Borso del Grappa. I punti di decollo ufficiali invece sulle Antenne di Rubbietto a Conco-Lusiana e Romano d’Ezzelino.
Lo sport del volo libero ha trovato a Borso del Grappa, nel Trevigiano, le condizioni ideali per essere praticato per le particolari condizioni meteorologiche che consentono lo sviluppo di correnti ascensionali nell’arco di tutto l’anno. Correnti che nascono di fronte a precipizi quasi verticali situati sul versante meridionale del massiccio e che sono facilmente raggiungibili e ideali per il decollo e le aree destinate all’atterraggio, sono ritenute estremamente sicure.

Il territorio della Pedemontana del Grappa è identificata come meta turistica imperdibile per la pratica del volo libero.
Informazioni: www.vivereilgrappa.it.