HOTEL, SPA & CO

Il Four Seasons di Milano si rinnova

A gennaio chiude per una ristrutturazione totale curata da Patricia Urquiola

L’hotel Four Seasons di Milano, a gennaio 2021 chiude per qualche mese per una ristrutturazione totale. Lo storico cinque stelle che ha preso il posto di un convento del Quattrocento è da anni il salotto elegante di milanesi e non nel quadrilatero della moda.

Inaugurato nel 1993, è stato il primo Four Seasons aperto in Europa e ha riscosso subito un bel successo, grazie gli spazi che si affacciano sul chiostro, all’accuratezza dei servizi, alla posizione centrale.

Ma gli anni passano per tutti, e anche se l’hotel è sempre splendido con il suo allestimento natalizio e il suo ristorante-veranda pieno di piante, un restyling non potrà che renderlo ancora più affascinante. Il rinnovamento riguarda gli spazi comuni, il ristorante e il bar, le camere e le suite, le sale meeting.

A guidare il progetto c’è l’architetto Patricia Urquiola, spagnola di nascita ma milanese di adozione e di formazione avendo studiato al Politecnico di Milano con il designer Achille Castiglioni.

Per il giardino invece, è stato scelto Flavio Pollano, paesaggista esperto di verde verticale e botanica che ha collaborato al Padiglione Italia dell’Expo2020 che doveva svolgersi quest’anno a Dubai.

Completata la prima fase di ristrutturazione entro la primavera del 2021, l’hotel riapre, proseguendo i lavori nelle camere, suite e sale meeting. I lavori di rinnovamento continuano tutto l’anno, ma lo svolgimento in più fasi sarà tale da non disturbare il soggiorno né le frequentazioni diurne.