Sapor di Corsica

La Ferme di Campo di Monte
La Ferme di Campo di Monte | Foto di Gianmario Marras

«La semplicità è una conquista. La semplicità infatti non è mai semplice, non è mai banale». Parole di  Gualtiero Marchesi che ben si addicono a descrivere la “Ferme di Campo di Monte“, nella regione del Nebbio adagiata fra le colline a nord della Corsica. Si arriva allontanandosi dal mare turchese di St Florent, salendo lentamente fra boschi e villaggi lungo la strada statale D82 sino alla chiesa di San Michele, gioiello medioevale di memoria pisana che annuncia il villaggio di Murato: poche case di blocchi grigi e squadrati con il tetto in ardesia in vista del Tirreno.

La Ferme di Campo di Monte con vista sul Tirreno
La Ferme di Campo di Monte con vista sul Tirreno | Foto di Gianmario Marras

All’uscita del villaggio superato il primo ponte si imbocca sulla destra una strada sterrata quasi una mulattiera e ci si inoltra nel bosco per circa un chilometro, giungendo fra il diradarsi degli alberi a “La Ferme”. In un paesaggio da acquarello l’antico edificio pare uscito direttamente da un libro delle favole: pietra su pietra, tegola su tegola con piccole finestre dipinte di bianco, tendine ricamate ai vetri e gerani rosso acceso a decorarle. Sembra il frutto della fantasia di un abile novellista  e invece è tutto vero.

La Ferme di Campo di Monte ricavata da una fattoria in pietra a secco
La Ferme di Campo di Monte ricavata da una fattoria in pietra a secco | Foto di Gianmario Marras

In questo fattoria in pietra a secco del 16° secolo, per generazioni abitata da famiglie di contadini e allevatori, Pauline Juillard ha messo in scena la semplicità dell’autentica cucina corsa in una  cornice di eleganza degna delle migliori tavole di Francia.

La Ferme di Campo di Monte
La Ferme di Campo di Monte | Foto di Gianmario Marras

Le sale del locale sono tutte diverse e ricavate dagli ambienti della dimora di campagna.  La stalla, il fienile, il granaio sono diventate “La Chambre”, ”Le Piano”, “Le Rocher”, ambienti in cui l’atmosfera conviviale è arricchita dai sapori forti del territorio. Imperdibile l’assaggio della migliore salumeria corsa con “prisuttu figatelli e lonzu”  e del piatto di formaggi come il Venachese o l’Orezzincu a pasta molle serviti insieme a confettura di fichi o arance. Proseguendo si sceglie  fra  zuppa corsa a base di legumi pancetta affumicata e cipolla oppure “Storzapreti” con brocciu e menta e ancora cosciotto di cinghiale all’aglio o trote e anguille pescate nei torrenti dei dintorni. Il vino consigliato è quello della casa servito in rustiche caraffe e per concludere, frittelline all’acquavite da consumarsi calde e croccanti contemplando lo spettacolare panorama, indimenticabile nelle ore del tramonto.

La Ferme di Campodimonte - Carne e verdure - Formaggi - Confettura di clementini- Frittelline
La Ferme di Campodimonte – Carne e verdure – Formaggi – Confettura di clementini- Frittelline | Foto di Gianmario Marras

La Ferme Campo di Monte – Murato www.fermecampodimonte.com

Per arrivare in Corsica ci sono le Navi Gialle di Corsica Ferries con collegamenti giornalieri da Savona e Livorno diretti a Bastia  www.corsica-ferries.it