Italy

Il restyling di Terme Merano

Ne è passato di tempo da quando Merano, città altoatesina, scoprì la propria vocazione termale. Merito dell’acqua contenente radon, proveniente dal vicino Monte San Vigilio, utilizzata a scopi terapeutici fin dall’Ottocento per la sua azione salutare sulle vie respiratorie e sul sistema nervoso. Ancora oggi quell’acqua ha un ruolo fondamentale nei trattamenti proposti dalle Terme Merano, un complesso di più di 7.000 metri quadrati (con ben 25 piscine delle quali 15 aperte tutto l’anno) inaugurato il 3 dicembre 2005, all’interno del quale l’antica tradizione di cura viene ripresa e reinterpretata in un’offerta benessere che riserva alla natura e alla cultura altoatesina un ruolo di fondamentale importanza.

Quest’anno poi ci sono importanti novità: alla struttura originaria ne è stata aggiunta una nuova di 931 metri quadrati, con circa 200 innovative postazioni da riposo, sale relax e lounge che rispondono all’aumento di visitatori (l’affluenza media giornaliera è pari a 1.069 persone). «Il primo obiettivo è sempre la soddisfazione dei nostri ospiti», spiega Adelheid Stifter, direttrice di Terme Merano. Questo importante restyling migliora la qualità del soggiorno dei clienti, rendendo il tempo trascorso in questo luogo un’esperienza unica».

A prima vista, il caratteristico cubo di vetro e acciaio, da sempre immagine dello stabilimento termale, è rimasto invariato: la parte appena aggiunta è infatti proprio ispirata a esso e ne è diventata parte integrante in un gioco armonioso di linee e trasparenze. All’interno, dettagli di pregio rendono l’ambiente ancora più accogliente: le nuove sale relax, distribuite su due livelli, dispongono di arredi in legno e materiali naturali, materassini di ultima generazione e corpi illuminanti circolari, che fanno luce dove occorre senza disturbare il riposo e richiamano le sfere e i cerchi della sala bagnanti. La migliore fruibilità e funzionalità degli spazi è stata ottenuta anche grazie alle Fire Place, lounge di design arredate con divanetti e poltroncine dalle tonalità delicate con l’aggiunta di note ocra e ottanio, dove gli ospiti possono rilassarsi davanti a un camino acceso prima di proseguire i trattamenti negli altri ambienti: la sala bagnanti, la MySpa, l’area sauna o il centro fitness (quest’ultimo dotato di attrezzi all’avanguardia Technogym per l’allenamento a circuito, il cardiofitness e il potenziamento muscolare).

A un occhio attento non passano inosservate le nuove strutture affacciate sulla sala bagnanti: sono le 4 Pool Suites, pensate per le coppie e ispirate ai prodotti altoatesini – si chiamano infatti Apple, Honey, Grape e Herb. Ognuna ha un lettino ad acqua, idromassaggio, bagno turco, doccia, toilette, borsa delle terme con accappatoio, asciugamani, pantofoline, kit di cortesia con prodotti della nuova linea cosmetica a base di materie prime rigorosamente altoatesine (mela, stella alpina, uva, olivello spinoso, marmo della Val Venosta, acquistabili anche online nel sito www.termemerano.it), acqua, frutta fresca, una bottiglia di spumante dell’Alto Adige, un sale da bagno, un peeling e un impacco da utilizzare nel bagno turco.

Il pacchetto basic di 3 ore include l’ingresso giornaliero Terme e sauna (250 euro); ci sono anche il pacchetto basic con massaggio corpo per la coppia (370 euro) e il pacchetto all inclusive di 8 ore che comprende massaggio e pranzo per 2 persone nel self service delle Terme Merano (570 euro). A proposito di cibo, proprio nel cuore dell’area sauna sorge il Sauna Bar, un locale luminoso arredato con tavolini e comode sedute, pensato per una pausa in accappatoio, senza uscire dall’area termale. Per un pasto più ricco c’è il Bistro, dove vengono serviti piatti à la carte: qui si ritrovano non solo gli ospiti delle Terme, ma anche i locali che lo considerano un punto d’incontro importante della city life meranese.

Anche all’esterno del complesso termale ci sono novità: dal prossimo 11 maggio, in occasione della riapertura del Parco di Terme Merano, sarà infatti inaugurata la terrazza panoramica Sun Deck, con lettini per il relax e postazioni per abbronzarsi, che regala una vista panoramica sulla natura circostante. Sulla terrazza c’è anche la Roof Whirpool, un’ampia vasca con acqua calda e sedute per l’idromassaggio.

Per quel che riguarda il Parco (5 ettari di prato perfettamente curato), ci sono sdraio per prendere il sole, angoli per riposarsi all’ombra, piscine – da quella con acqua fredda al percorso Kneipp, dalla vasca con acqua corrente al bagno sorgivo – e otto Relax Lounge, distribuite nel parco in posizione defilata, ognuna delle quali dispone di un lettino per due persone.

Per i bambini ci sono due piscine: una indoor, completamente rinnovata, con fiori colorati alti un metro, giochi, spruzzi d’acqua, bolle ed effetti di luce; l’altra, esterna e rifatta la scorsa estate, dispone invece di uno scivolo colorato e di un’area giochi attrezzata dove i piccoli possono divertirsi senza disturbare il relax degli adulti.
Terme Merano, www.termemerano.it, tel. 0473252000.