EVENTS

Rinvio a Giudizio

La band di Alessandro Munari apre il tour estivo con una serata di solidarietà

Anche quest’anno “Rinvio a Giudizio”, storica band capitanata dall’avvocato Alessandro Munari, ha dato il via al loro tour estivo. Giovedi 28 giugno la band si esibisce allo studio Ferrante Aporti Via Stamira d’Ancona 34/5 alle 20, il ricavato sarà devoluto in favore del “Group Intenational Chirurgiens Amis de la Main” GICAM. Il gruppo musicale, fondato dalla triade composta dal front man voce e chitarra Alessandro Munari (Ale), dal direttore artistico nonché chitarrista solista Luigi Marrese (Gigi) e dal “farmaceutico” bassista Massimo Pedrani (Mamo), si è arricchito negli anni con altri artisti quali: Angelo Corvino – batteria, Annalisa Cantando – voce soprano, Christian Tassi – Polistrumentista, tastiere, flauto, fisarmonica, voce Fabio Agatea – Tastiere, Ruben Aquino – Percursioni, Luca Marino- Chitarra e voce, Luiza Toska – Violino, Loredana Casula – Voce. Una band di professionisti che si trasformano in appassionati musicisti per finanziare progetti di solidarietà. Grande successo per i recenti concerti di Saronno (Teatro Giuditta Pasta), Busto Arsizio nell’ambito del Busto Arsizio Film Festival ( Teatro Lux) e di Milano (Chiesa San Marco).

1507122892-j66a9539

Il Groupe International Chirurgiens Amis de la Main, (GICAM) è una organizzazione Non Profit che opera in campo chirurgico in Paesi in Via di sviluppo. Riunisce chirurghi ortopedici, plastici e generali, anestesisti, fisioterapisti, ergoterapisti, infermieri di sala e mette a disposizione di chi ha bisogno le proprie capacità principalmente nel settore della chirurgia della mano e della microchirurgia ricostruttiva. GICAM è presente in Africa occidentale: Benin, Burkina Faso, Ghana, Sierra Leone e Togo. Operiamo anche in India e in Sierra Leone per ricostruire le mani di centinaia di bambini. GICAM ha attraversato con i suoi programmi molti eventi sociali, politici (colpi di stato), religiosi e le emergenze sanitarie (Ebola). Si cerca di raccogliere fondi per finanziare le missioni, con l’ obiettivo di promuovere il diritto alla salute per tutti e garantire interventi specialistici nei Paesi a basso reddito. Si opera con un approccio di breve periodo, collaborando con il personale ospedaliero e del territorio, cosi’ le cure offerte sono continue e corrette.