GOURMET

150 anni di Tabasco

Festa di compleanno per la celebre salsa piccante venduta in 185 Paesi del mondo: l’occasione per visitare Avery Island, il luogo di produzione in Louisiana

Barrel Warehouse_00003

Il Tabasco è uno Stato del Messico meridionale, ma alzi la mano chi non associa immediatamente questo nome alla celebre salsa piccante invece che a un luogo geografico… Non c’è da sorprendersi, visto che il Tabasco® culinario ha una vocazione decisamente cosmopolita: oggi è infatti venduto in 185 Paesi del mondo e le bottigliette che lo contengono vengono etichettate in 22 lingue e dialetti diversi. Ne è passato di tempo da quel lontano 1868, quando Edmund McIlhenny decise di commercializzare una salsa preparata con i peperoncini Capsicum frutescens (varietà Tabasco, appunto) che coltivava vicino alla casa di famiglia, situata ad Avery Island, in Louisiana: 150 anni di vita, dunque, festeggiati con eventi speciali e di carattere internazionale.

TABASCO_Archival Beauty Shot_00004_TABASCO® copia

Le celebrazioni sono infatti cominciate il 25 gennaio scorso a New Orleans con la riedizione di A burlesque opera, commedia musicale comica che, nel 1894, era stata rappresentata negli States con distribuzione al pubblico di bottigliette di salsa Tabasco®: una strategia di marketing che oggi non ci sorprenderebbe, ma per l’epoca decisamente ante litteram. Dopo la Louisiana, i festeggiamenti sono proseguiti a New York, Londra, Shanghai e Milano, la tappa più recente, dove i partecipanti hanno potuto deugustare il tocco unico del Tabasco® – oltre al peperoncino, gli altri ingredienti sono sale e aceto, lasciati macerare per tre anni in barili di rovere bianco – in abbinamento a piatti e cocktail ispirati alle tradizioni culinarie di tutto il mondo.

Il panino King Salmon
Il panino King Salmon

Qualche esempio? Nel “menu griglia” la salsa ha insaporito bacon cheese burger, arrosticini, gamberoni e pollo grigliati; nel “menu ostriche” qualche goccia piccante, insieme a foglie di lemongrasse, ha dato un tocco “caliente” ai molluschi, serviti rigorosamente crudi.

ostrichejpg

Nel “menu panini” il Tabasco® ha reso inimitabili Lord sandwich (con roastbeef, pomodori datterini, scaglie di grana), King salmon (oltre al pesce marinato, caprino, valerianella e arancia spellata al vivo) e San Daniele (prosciutto crudo, stracciatella di bufala, pesto). Non sono mancate bevande “piccanti” (per esempio, Gin, Ginger fresh o vodka con Tabasco®), granite al Bloody Mary (il Tabasco® è un ingrediente tipico di questo celebre cocktail). Per finire, gelato al cioccolato, oppure alla crema, con qualche goccia, ça va sans dire, di questa salsa al peperoncino.

Pollo fritto alla coreana
Pollo fritto alla coreana

Se queste golosità vi hanno incuriositi, sappiate che per chi desidera festeggiare da casa il 150esimo anniversario del marchio, Tabasco® ha invitato chef e amici “all over the worl” a condividere ricette e bevande a base dell’iconica salsa sul sito tabasco.com, dove saranno disponibili per tutto l’anno insieme a focus dedicati al ruolo che essa ha svolto nella storia culinaria non solo americana, ma di tutto il globo. Piatti golosi, ma al tempo stesso non troppo difficili da preparare come il Korean fried chicken (pollo fritto alla coreana), il Cajun seafood gumbo (una tipica zuppa della Louisiana a base di pesce e gombo, conosciuto anche come ocra), e le Avery Island wings, a base di ali di pollo.

La coltivazione del peperoncino ad Avery Island
La coltivazione del peperoncino ad Avery Island

A proposito di Avery Island, oggi, come 150 anni fa, è ancora il luogo di produzione del Tabasco®.
Situata a circa 140 miglia da New Orleans, la località (a dispetto del nome, non si tratta di un’isola) è circondata da paludi e acquitrini e ospita i campi per la coltivazione del peperoncino, una miniera di sale storica, la fabbrica per la produzione della salsa, quella per la preparazione dei barili di rovere, un impianto di macerazione e i lussureggianti giardini Jungle: 170 acri pieni di querce secolari, piante di glicine, camelie, una trentina di varietà di bambù e numerosi animali selvatici, come cervi dalla coda bianca, orsi neri della Louisiana, lontre, armadilli, alligatori e aironi. Chi volesse visitare quest’oasi naturale e la fabbrica di salsa Tabasco® con il centro visitatori interattivo, per poi gustare la tipica cucina cajun e godere dell’ospitalità della sesta generazione della famiglia McIlhenny, può prenotare un viaggio sul sito tabasco.com/visit-avery-island.

I giardini Jungle ad Avery Island
I giardini Jungle ad Avery Island