GOURMET

Fums, profums, salums

Il borgo di Sutrio laboratorio gastronomico per un giorno, protagonisti i salumi di Carnia



Di Redazione Roma

Domenica 6 marzo, il caratteristico borgo Sutrio (Udine) mette in scena Fums, profums, salums e si trasforma un laboratorio di sapori e profumi che permette di conoscere e confrontare le ricette del salame e non solo.

Cinque tappe di degustazione in altrettante corti: una decina di produttori presenti con le loro specialità, un’area adibita alla dimostrazione dei lavori di norcineria, osterie, enoteche e ristoranti aperti con i piatti a base di maiale, il tutto accompagnato dai ricercati vini del Friuli Venezia Giulia e dalla musica.

Dalle 10.00 alle 18.00, attraverso un percorso di degustazione che si snoda fra le viuzze strette e lastricate e le tipiche case in pietra di questo caratteristico paese di artigiani del legno, gli ospiti possono scoprire gli insaccati che fra queste montagne del Friuli si preparano ancora secondo antiche ricette, tramandate da padre in figlio. Appuntamento nel segno della tradizione, in Cort dal Lis, sono le attività di lavorazione artigianale del maiale, a cui il pubblico è ammesso dalle 9.00 del mattino.

Fums, profums, salums è un’occasione unica per scoprire le tradizioni dell’attività salumiera in Carnia, che vanta ancor oggi una grande qualità, e assaggiarne i prodotti più tipici: musét (cotechino), salami di cervo e di daino, pancette, marcundela (sorta di polpetta avvolta in una rete di intestino del maiale), schultar (spalla cotta affumicata tipica di Timau), prosciutto crudo di Sauris… La varietà dei salumi carnici si è creata nel tempo a causa delle caratteristiche fisiche del luogo: l’isolamento dovuto alle montagne e alle vie di comunicazione disagevoli e lo stesso carattere chiuso degli abitanti, ha fatto sì che quasi ogni paese avesse il proprio segreto nel prepararli. Caratteristica comune a molti di loro è l’affumicatura, nata per favorire la stagionatura e la conservazione dei prodotti, che a seconda della zona, cambia per tempi, legni e luoghi utilizzati.

Salami e purcitar – Già nel periodo romano si produceva con le carni del maiale un insaccato che, se opportunamente lavorato e salato, si sarebbe conservato acquistando nel tempo aromi e profumi. Venendo a tempi più vicini, il salame veniva stagionato – come oggi – nelle cantine. I purcitar (norcino) erano chiamati dalle famiglie per preparare i salumi ed ognuno di loro aveva una ricetta segreta per insaporire le carni. Curiosamente, però, gli stessi norcini non si davano pace nel verificare che i salami non avevano mai lo stesso gusto, non immaginando, forse, che ogni cantina ha un importante ruolo nel processo di maturazione.

In caso di maltempo la manifestazione sarà rinviata alla domenica successiva.

Per informazioni:
Carnia Welcome
tel. 0433 466220
info@carniawelcome.it
www.carnia.it.