DESTINATIONS

Lo specchio dell’Outback

Una macchia blu tra cielo e deserto, il Lago Eyre è un’avventura tutta australiana

Di Redazione Roma

Lake Eyre, conosciuto anche come Kati Thanda è un lago salato i cui colori contrastano l’intenso blu del cielo del deserto. Il bacino si trova schiacciato fra i deserti del centro Australia, nel mezzo del Lake Eyre National Park, e riceve una notevole quantità di acqua solo ogni otto anni. Nelle rare occasioni in cui è pieno (lo è stato solo tre volte negli ultimi 150 anni) detiene tre record molto speciali: quello di lago più esteso del Continente, quello di lago salato più grande del mondo e quello di punto più basso del South Australia a circa 15 metri sotto il livello del mare.

Le piogge stagionali attirano sulla sua riva uccelli acquatici come pellicani australiani, gabbiani d’argento, avocette dal collo rosso. Quando il lago è in piena diventa il luogo di riproduzione per un numero enorme di uccelli acquatici, in particolare per quelle specie che tollerano la salinità. Il modo migliore per vedere Lake Eyre è il volo panoramico che offre una vista spettacolare sul Parco e sulla fauna selvatica di stagione.
L’esperienza più indimenticabile da vivere nel Parco Nazionale Kati Thanda-Lake Eyre è la notte nel campo tendato. Esistono campeggi ad Halligan Bay con servizi igienici e rifugi per i picnic, o a Muloorina Station dove l’usanza è versare una piccola “tassa di soggiorno” dalla quale l’importo di 2 dollari australiani viene devoluto al Royal Flying Doctors Service.
Altri campeggi si trovano anche a Marree, William Creek, a Coward Springs e a 130 km a ovest di Marree sulla Oodnadatta Track.