Europe

The Tripmill: viaggiare 3.0

Tutta italiana la start up che ha ideato il nuovo network di itinerari ed esperienze

Tutta italiana la start up che ha ideato il nuovo network di itinerari ed esperienze

Un progetto tutto italiano che promette di diventare la nuova community dei viaggiatori online 3.0. Si chiama The TripMill e, lanciato nei mesi scorsi, è pienamente operativo da ottobre 2014. Si tratta di un social network di viaggiatori dove si possono condividere diari di viaggio, mappe e itinerari caricati direttamente dagli utenti. Diventare Tripmiller è facile, basta iscriversi attraverso il profilo Facebook o Twitter e in pochi minuti si può iniziare a caricare il proprio viaggio, quello da consigliare agli amici, da condividere e far conoscere. Alcune icone e la grafica chiara e user friendly, aiutano a orientarsi in modo semplice e a catalogare l’itinerario così da essere trovati dagli altri utenti.

La start up è di due ragazzi italiani appena trentenni, Andrea Bocci e Marco Filippetti, che hanno voluto investire su un portale UGC realizzato con passione, competenza e la voglia di fare bene. Una settimana fa hanno chiamato a raccolta a Pesaro, nel loro quartier generale, travel blogger e influencer del web per confrontarsi e capire come implementare al meglio la piattaforma. Presenti anche alcuni degli sviluppatori, insieme ai fondatori: “ Vogliamo che risponda davvero alle esigenze dei viaggiatori 3.0, che sia uno strumento funzionale anche on the road” spiega Marco, durante la tavola rotonda. E in effetti The TripMill può essere usato sia con calma al ritorno a casa, ricopiando gli appunti presi sulla inossidabile moleskine, sia in strada, grazie alle app per mobile, su iOS e Android, in fase di sviluppo. Una sfida a un mercato che sembra saturo ma che in realtà “rispetto ai grandi colossi ha ancora bisogno di un luogo per vere dritte e consigli di viaggio completi, non solo su hotel e singoli servizi”, ancora Marco. Ma oltre alla community, The TripMill è innovativo anche per un altro aspetto. Alcuni degli hotel proposti negli itinerari, possono essere prenotati e contattati direttamente dagli utenti. Gli alberghi infatti possono scegliere di essere presenti nella community con un profilo utente business. Grazie a una fee annuale piuttosto competitiva, hanno diritto a una scheda completa con recapiti e informazioni per farsi raggiungere, in modo trasparente, dichiarato e diretto, dagli utenti della community interessati. La piattaforma, qualora un utente prenotasse un hotel o servizio sul portale The TripMill, non richiederà nessun tipo di commissione, perchè, come spiega Marco:  “Vogliamo aiutare le attività a comunicare direttamente con il cliente senza intermediari”.

Altra novità molto interessante è che la piattaforma The TripMill può essere implementata su un mini-sito personale dalle agenzie di viaggio. Ogni agenzia di viaggio potrà usufruire del suo mini-sito con le funzionalità del portale e notevoli vantaggi.A breve le agenzie  potranno infatti proporre pacchetti turistici e itinerari e anche invogliare i propri clienti a recensire le esperienze di viaggio fatte con loro. Tutti i contenuti saranno visibili sulla piattaforma internazionale e agli utenti iscritti al sito, che così potranno richiedere un preventivo direttamente alle agenzie. Un innovativo strumento che supera ogni barriera anche nazionale, considerando che la community dei Tripmiller non è solo italiana. The TripMill offre quindi un servizio piuttosto nuovo per il nostro mercato. Su questo la start up sta lavorando con impegno in quanto, come aggiunge Marco: “Per molte agenzie italiane il massimo della presenza social è avere una pagina Facebook, noi stiamo invece proponendo una vetrina nuova e una visibilità unica per loro, verticalizzata sul turismo, di fronte alla community dei viaggiatori di nuova generazione”. Tutte le azioni fatte sul portale potranno inoltre essere condivise sui propri social (Facebook, Twitter e Google+).  A pieno regime dunque i Tripmiller non troveranno online solo gli itinerari propri, degli amici e degli altri viaggiatori ma avranno la possibilità di acquistare servizi legati al viaggio che desiderano e sognano fare o richiedere la consulenza di una agenzia di viaggio che sarà presente sul portale con un appoggio certificato sull’acquisto della loro prossima vacanza.