DESTINATIONS

La grande bellezza di Roma

L’Hotel Capo d’Africa immerge gli ospiti nelle atmosfere uniche della Capitale. Dallo stesso punto di vista del dandy Jep Gambardella (aka Toni Servillo)

All’ombra del Colosseo, un boutique hotel da dove si guarda la Roma di Sorrentino

di Redazione

Candidato all’Oscar come miglior film straniero La grande bellezza di Paolo Sorrentino è stato senza dubbio il film dell’anno. Protagonista della pellicola una Roma maestosa ed emozionante che accompagna Jep Gambardella (interpretato da Toni Servillo), attraverso surreali vicende mondane e intensi drammi umani. La grande bellezza di Roma è anche ciò che l’Hotel Capo d’Africa vuole mostrare ai suoi ospiti: un’immersione nell’atmosfera unica della Capitale partendo dal Rione Celio, in cui si trova l’Hotel e in cui, nel film, si trova la casa, affacciata sul Colosseo del protagonista. Roma diventa così teatro onirico di feste, vignette, presagi e incontri casuali, da Ramona spogliarellista dai segreti dolorosi, al cardinale Bellucci che s’intende più di cucina che di fede; ma, soprattutto, diventa il vero palcoscenico di Jep, sempre più convinto della futilità e dell’inutilità della sua esistenza. Il sogno di recuperare la sua identità di scrittore e letterato, di ritornare a quell’innocente bellezza del primo amore adolescenziale, sembrano infrangersi di fronte allo spettacolo aberrante e miserabile con cui Jep ogni sera deve e vuole confrontarsi. È questo il quartiere Celio, tra il Foro Romano e la Domus Aurea, che coniuga antichità e modernità e, a chiese medievali, monumenti secolari e signorili palazzi di fine Ottocento alterna, in perfetta armonia, simpatici locali di sapore “romanesco” e luoghi di ritrovo alla moda. Qui, in un armonico edificio inizio Novecento che ospitava la scuola superiore del quartiere, si trova l’Hotel Capo d’Africa dal cui splendido roof, attrezzato con bar e ristorante, si può ammirare la magnifica vista che si gode dalla casa abitata dal giornalista esteta nel film italiano candidato all’Oscar.

L’Hotel Capo d’Africa è un raffinato ed accogliente Boutique Hotel, caratterizzato dalla prossimità con il Colosseo e dalla magnifica vista panoramica. Proprio all’ultimo piano si trova la novità 2014 dell’albergo: il bistrot L’Attico, che propone una cucina romana rivisitata in chiave moderna. Nella Hall oltre alla reception si trovano il Centrum Bar e un accogliente salotto. Qui sbocciano anche le rose nere di Paolo Canevari, simbolo dell’albergo e solo una delle tante espressioni artistiche presenti, create da artisti contemporanei romani come Giuseppe Salvatori, Giancarlo Limoni, Pupino Samonà e Andrea Aquilanti, mentre le camere sono decorate da litografie di Gianni Dessì e di Mariano Rossano. Le 65 camere, disposte su tre piani, sono tutte immerse nelle calde tonalità dell’ocra, della sabbia e dello zafferano. All’interno del Capo d’Africa si trovano anche tre eleganti sale conferenze dotate di attrezzatura multimediale capaci di accogliere fino a 60 persone e una palestra con moderni macchinari. Il Bistrot L’Attico è aperto dall’inizio del 2014 dalle 19.00 alle 23.00 dal martedì alla domenica, ed offre una piccola carta realizzata con prodotti di qualità, un Menu di piatti cucinati espressi con ingredienti selezionati. L’offerta della carta stagionale è fatta di piatti tipici della tradizione romana.

Hotel Capo d’Africa – Via Capo d’Africa 54 – 00184 Roma
Telefono 06.772.801 – Fax 06.772.80801

E-mail:
info@hotelcapodafrica.com
www.hotelcapodafrica.com