NEWS

Un treno sotto il Bosforo

Il tunnel ferroviario Marmaray è il nuovo collegamento attivo tra la sponda asiatica e quella europea di Istanbul

Il tunnel ferroviario Marmaray è il nuovo collegamento attivo tra la sponda asiatica e quella europea di Istanbul

Di Teresa Cremona

Il nome è l’unione di Mar di Marmara con Ray, parola turca che indica il trasporto ferroviario. E’ il tunnel ferroviario realizzato sotto il Bosforo che è stato inaugurato in occasione del 90° anniversario della Repubblica turca. In realtà, “La parte che è entrata in servizio è ancora molto limitata” ha detto Tayfun Kahraman, presidente della Istanbul Chamber of Urban Planners. Ma anche se solo una piccola parte è in funzione, il tunnel Marmaray è il primo al mondo a collegare due continenti.

E’ stato progettato per resistere ai terremoti e fu ipotizzato per la prima volta da un sultano ottomano nel 1860. I lavori sono iniziati nel 2004, ma alcuni ritrovamenti archeologici ne hanno ritardato costruzione. La sezione subacquea corre per 1,4 km, ma in totale il tunnel è lungo 13,6 km.

E’ frutto di investimenti internazionali, il Giappone ha investito 1 miliardo di dollari sui 4 miliardi di dollari che rappresenteranno il costo totale dell’opera e la sua realizzazione avvicina il momento in cui sarà possibile partire da Londra e arrivare a Pechino in treno via Istanbul.

Nel progetto Marmaray è previsto anche l’aggiornamento delle linee ferroviarie suburbane esistenti per creare un collegamento diretto che unisca la parte meridionale della città attraverso lo Stretto del Bosforo. Istanbul ha circa 16 milioni di abitanti e circa due milioni di persone, attraversano il Bosforo ogni giorno tramite due ponti, con una gravi conseguenze sul traffico. Il Marmaray che è stato soprannominato dai turchi “il progetto del secolo” assicurerà un servizio ferroviario in grado di trasportare 75.000 persone all’ora in entrambe le direzioni.