DESTINATIONS

Un anno da Urlo

La Norvegia festeggia 150 dalla nascita di Munch con un calendario di eventi dedicati al pittore e alla sua città

La Norvegia festeggia 150 dalla nascita di Munch con un calendario di eventi dedicati al pittore e alla sua città

Di Teresa Cremona

Nel 2013 si celebrano i 150 anni dalla nascita di Edvard Munch e per festeggiare questo anniversario sono previsti in Norvegia spettacoli, concerti, visite guidate. Molti degli eventi si tengono a Oslo, perché Edvard Munch e Oslo sono indissolubilmente legati.

Oslo è la città in cui Munch è cresciuto e si è formato come artista, a Oslo l’artista ha passato gli ultimi anni della sua vita e oggi la città ospita la maggior parte della sua produzione artistica, incluse le sue opere più note.

Skrik (L’Urlo) è il quadro più conosciuto dell’opera di Edvard Munch e pare che l’artista abbia avuto l’ispirazione durante una passeggiata serale sulla collina di Ekebergåsen, un luogo amato dagli abitanti di Kristiania. Munch scrisse alcune frasi sull’argomento:

“Stavo passegiando con due amici e il sole stava tramontando. Sentii un soffio di nostalgia. Il cielo d’un tratto si fece rosso sangue. Mi fermai, mi sporsi dal parapetto, stanco morto, e vidi nuvole fiammeggianti come una spada insanguinata, e il fiordo nero con la città sullo sfondo. I miei amici continuarono a passeggiare, mentre io, tremante d’angoscia, sentii un infinito urlo attraverso la natura.”

L’Urlo è soprattutto un paesaggio interiore e un’astrazione, ma sono comunque riconoscibili i contorni del fiordo dalla collina di Ekeberg, con la baia di Bjørvika, dove ora sorge l’Opera e il promontorio con la fortezza di Akershus sullo sfondo.

Il quartiere di Grünerløkka, a nordest del centro è dove Munch visse durante la sua adolescenza. Purtroppo nessuno degli appartamenti dove l’artista ha vissuto è aperto al pubblico, ma i palazzi e le strade sono pressoché gli stessi della sua epoca e la zona conserva Per chi fosse interessato ai luoghi rilevanti nella vita di Munch e desiderasse conoscere meglio come fosse la Oslo ai tempi di Munch, consigliamo di fare intatta l’architettura di quel periodo.