GOURMET

Gnocco d’Oro 2013

Luigi Cremona designato Ambasciatore de Gran Gnoc, tra i premiati a Modena dell’edizione 2013

Luigi Cremona designato Ambasciatore de Gran Gnoc, tra i premiati a Modena dell’edizione 2013

Di Naida Caira

Si è conclusa anche quest’anno, per la terza volta consecutiva, la consegna dei riconoscimenti agli Ambasciatori della Confraternita dello Gnocco d’Oro. La cornice era quella di Modena e della sua Piazza Grande, per un premio che riconosce ogni anno i migliori giornalisti, chef e personalità di prestigio nel panorama della cultura e dell’enogastronomia italiane con attenzione alle tipicità, alle eccellenze, alla tradizione del territorio, e in particolare a quella dello Gnocco fritto modenese.

Tra i premiati di quest’anno, designati con il titolo di Ambasciatori de Gran Gnoc della Coppia Fumante 2013, c’è Luigi Cremona, curatore della Guida Touring Alberghi e Ristoranti d’Italia e Guida ai Vini Buoni d’ Italia. La passione per i viaggi e per la gastronomia lo hanno portato nei migliori ristoranti d’Europa e del mondo, ospite dei più celebri chef. Maestro Assaggiatore Formaggi dell’ONAF e sommelier AIS, da anni è una firma riconosciuta nell’editoria e la televisione di settore. Tra le altre attività ha contribuito alla creazione dell’ Accademia dei Maestri della Pasticceria Italiana, cura un blog personale dove recensisce il meglio dell’engastronomia italiana.

Insieme a Luigi Cremona sono stati premiati Licia Granello, giornalista di la Repubblica e food editor a 360 gradi, e Laura Galli Morandi, Titolare dell’Osteria Salumeria Giusti 1605, compagna nella vita e nel lavoro, di Adriano Nano Morandi, l’indimenticato Oste oggi scomparso, che ha condotto insieme a lei l’attività della più antica salumeria d’Europa, rendendola celebre in Italia e all’estero.

“Un prestigioso riconoscimento – ha commentato il Gran Maestro della Confraternita del Gnocco d’Oro Luca Bonacini – a tre figure fondamentali per la nostra enogastronomia e per la divulgazione dei valori più alti della tradizione e della tipicità. Un determinante ruolo di ambasciatore delle più solide tradizioni gastronomiche italiche, messo in luce in questi anni nelle rispettive attività professionali e per la manifesta sensibilità a tutto ciò che va nella direzione della tutela delle tipicità nazionali e locali, assolvendo al particolare ruolo di valorizzare, promuovere e sostenere, la tradizione del gnocco fritto modenese, deliziosa specialità tra le più antiche della nostra cucina.”

“Un premio attribuito dai Cavalieri de Gran Gnoc, che ogni anno, oltre ad eleggere il miglior gnocco fritto servito a colazione e a cena, consegnano un riconoscimento, a coloro tra chef, giornalisti, e opinion leader che si sono distinti maggiormente per modenesità, dando lustro alla nostra cucina scrivendone, e battendosi per essa, esprimendo eleganza, ospitalità e creatività ai massimi livelli”.