DESTINATIONS

Expo rurale

Torna a settembre alla Fortezza da Basso di Firenze l’evento dedicato ai prodotti della terra toscana

Di Teresa Cremona

Per quattro giorni alla Fortezza da Basso prati e campi coltivati, filari di viti ed olivi al posto dell’asfalto, frutti e prodotti della terra toscana tra le mura trecentesche, e tutti gli animali che fanno della campagna toscana un gioiello di agro-biodiversità.
EXPO RURALE alla Fortezza rimane aperta ben oltre il calar del sole, più tempo a disposizione per imparare a fare un orto, costruire una casa eco-compatibile, innestare le viti, degustare i vini, gli oli e i prodotti toscani, scoprire i segreti della floricoltura e della cucina tradizionale toscana, conoscere da vicino tutti gli animali di fattoria e quelli dei grandi allevamenti, imparare come si fa il pane, come si pota un olivo, come si raccoglie il miele, come si munge, come si salano le alici e tanto altro.

Tutti i settori produttivi e le filiere della ruralità toscana sono presenti con animazioni dal vivo e spaccati rappresentativi della realtà: olivicoltura, viticoltura, cerealicoltura e colture erbacee, zootecnia, caccia, florivivaismo, itticoltura, foresta e boschi. E all’interno degli spazi dedicati alle filiere, un piccolo universo di eventi e spazi da visitare:
aree dedicate alla degustazione dei prodotti DOP e IGP,
spazio-galleria dedicato ai prodotti a marchio di qualità.
mostre, presentazioni, animazioni, dimostrazioni di mestieri e lavorazioni.
Da non perdere, la grande area attrezzata a mercato con tutti i prodotti appena raccolti e venduti dagli urbanfarmers.
I visitatori più piccini trovano laboratori e piccole fattorie didattiche, l’agrinido e l’orto in condotta.

Tra i tanti momenti in agenda:
Alla Clinica del verde, un esperto vivaista fa diagnosi e prescrive cure per piante ammalate (basta portare un piccolo ramo) ed insegna a come farle crescere sane l

L’architetto del verde su appuntamento e gratuitamente dà consulenze personalizzate con proposta per rinnovare giardini e terrazze.
Nell’Area RELAX di Expo si può frequentare la scuola di griglia e girarrosto a cui segue la degustazione.
O si può partire per un circuito di visita alle stalle di chianina con il Motovitellone.

Ad Expo si impara a scegliere, pulire e cucinare il “Pesce dimenticato”! Specie eccedenti o sottoutilizzate, spesso assai saporite e soprattutto a buon mercato.

Un personal shopper ad Expo Rurale insegna come scegliere al meglio la spesa del giorno.

Con l’orto in cassetta, si impara come avviare la produzione.

Le proposte FOOD ad Expo Rurale:
la trattoria di campagna con la cucina di orto e di mercato dove protagonista è la materia prima.
I giovani chef ai fornelli con ricette eseguite dal vivo e aperte al giudizio del pubblico.
Colazione sull’erba, rustica e biologica, dove protagonista è la natura nell’area picnic dove si riceve tutto l’occorrente.

Tutti i giorni, infine, per i più piccoli, merenda “alla vecchia maniera a cura di CIA in collaborazione con “Donne in campo”, a base di pane e olio, pane e miele e pane e marmellata.

EXPO RURALE 2013 è realizzata dalla Regione Toscana e organizzata da Artex.

www.exporurale.it