DESTINATIONS

Koh Chang

Un’isola preziosa nella Thailandia orientale da scoprire a dorso di elefante

Un’isola preziosa nella Thailandia orientale da scoprire a dorso di elefante


Di Teresa Cremona

Trat, la provincia più orientale della Thailandia, è caratterizzata dalla presenza di molte spiagge ed isole tropicali tanto da essersi meritata il nome di “Costa Gioiello” anche in virtù della sua antica fama di terra di pietre preziose, zaffiri e rubini in particolare.
Tra le isole di questa provincia si distingue Koh Chang, una tra le più intatte ed antiche del paese, la seconda per estensione. Ricoperta da una giungla lussureggiante, con baie da cartolina e infuocati tramonti, Koh Chang ha la forma di un gigantesco elefante verde disteso a rinfrescarsi nelle chiare acque costiere, un Chang appunto che in lingua Thai significa elefante.

Koh Chang si mostra al visitatore come un luogo quasi inesplorato ed altamente selvaggio.
Le sue montagne sono interamente ricoperte da una fitta vegetazione tropicale che si interrompe solo sulle spiagge di sabbia bianca. Alcune di queste, come ad esempio Haat Sai Khao (in thai significa “la spiaggia dalla sabbia bianca”), considerata la spiaggia più bella e paradisiaca dell’isola, si prestano favolosamente all’attività balneare grazie al livello del mare che scende in modo estremamente graduale ed al fondale sabbioso.

Buone scarpe e agilità sono necessarie per intraprendere un intenso percorso di trekking che porta a contatto con una serie molto interessante di cascate. La più vicina ad Haat Sai Khao è la cascata Khlong Phlu mentre sul lato opposto dell’isola si trovano le Than Ma Yom, distribuite in diversi salti consecutivi i più alti dei quali sono raggiungibili attraverso un percorso molto arduo ed adatto a scalatori.

E’ molto comune in Thailandia effettuare escursioni a dorso d’elefante. Anche a Koh Chang sono presenti compagnie che offrono ai viaggiatori l’opportunità di godersi il paesaggio insieme a questi docili pachidermi:
BAN KWAN ELEPHANT CAMP: www.cocodeebokohchang.com
CHANG CHUTIMAN: www.ekohchang.com/Chang