Italy

Bandiere Blu 2013

La FEE assegna il prestigioso riconoscimento di qualità alle zone balneabili. Vince la Liguria con 20 comuni. New entry, il Trentino

La FEE assegna il prestigioso riconoscimento di qualità alle zone balneabili. Vince la Liguria con 20 comuni. New entry, il Trentino


Sintesi da republbica.it

La Foundation for Environmental Education (FEE) ha assegnato le Bandiere Blu 2013 a 248 spiagge, 135 comuni e 62 approdi turistici italiani

Vince la Liguria, che per la prima volta tocca quota 20 comuni premiati, tra i quali sono nuovi Framura (La Spezia) e San Lorenzo al Mare (Imperia). Ma la new entry è il Trentino Alto Adige, grazie al lago di Levico Terme. Sul podio salgono anche le Marche con 18 bandiere (più due, grazie a Fermo e Pedaso) e la Toscana, con 17 (uno in più con l’aggiunta di Carrara). Seguono l’Abruzzo, che mantiene 14 bandiere, la Campania con 13, la Puglia con 10 e l’Emilia Romagna con 8. La Sardegna sale  a quota 7, con l’aggiunta di Tortolì. Nessuna novità per il Veneto che mantiene 6 bandiere, e per il Lazio, a 5. La Sicilia scende a 4, perdendo Pozzallo in provincia di Ragusa, mentre il Molise arriva a tre e lo stesso fa la Calabria che però perde 3 riconoscimenti (Marina di Gioiosa Ionica, Cariati e Amendolara). Friuli e Piemonte mantengono le 2 bandiere, e restano stabili anche la Basilicata e la Lombardia a quota 1.Per quanto riguarda le esclusioni, la FEE spiega che in molti casi si tratta di mancata canditatura, piuttosto che di constatata inadeguatezza: in buona parte dei casi, infatti si tratta di comuni commissariati, dove la promozione turistico-ambientale non è al momento una priorità.

Il riconoscimento adottato in circa 40 paesi, con il 10% dei vessilli per l’Italia, premia le località con acque di balneazione eccellenti, secondo i risultati che, nel corso degli ultimi quattro anni, le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente hanno effettuato nell’ambito del Programma Nazionale di monitoraggio, condotto dai ministeri della Salute e dell’Ambiente. Grande rilievo è stato dato alle attività di educazione ambientale e gestione del territorio che le Amministrazioni hanno messo in atto al fine di preservare l’ambiente e al tempo stesso promuovere un turismo sostenibile. Gli indicatori per la valutazione della candidatura: funzionalità degli impianti di depurazione; gestione dei rifiuti; iniziative per una migliore vivibilità nel periodo estivo; valorizzazione delle aree naturalistiche;cura dell’arredo urbano e delle spiagge; accesso al mare senza limitazioni.