NEWS

Samoa Air chilo-pax

Samoa Air è la prima compagnia aerea commerciale al mondo ad attuare la politica “paga quello che pesi”

Samoa Air è la prima compagnia aerea commerciale al mondo ad attuare la politica “paga quello che pesi”

Di Teresa Cremona

Al check in fa salire i passeggeri sulla bilancia con il proprio bagaglio ed il costo del biglietto risulta dalla somma combinata dei due pesi: valigia/e + Passeggero.

Samoa Air vola con aerei Britten Norman (BN2A) e Cessna (172) e dallo scorso anno ha ampliato i collegamenti interni tra le sue isole, e quelli con le Samoa Americane, Tonga, Niue, le Cook e la Polinesia francese.

Secondo Samoa Air questa nuova politica in vigore dall’inizio del 2013 si sta rivelando popolare e di successo. Il sito web della compagnia aerea proclama: “Noi di Samoa Air manteniamo tariffe eque, facciamo pagare ai nostri passeggeri solo quello che pesano: tu sei il padrone del tuo Air ‘fair ‘, sei tu a decidere se il tuo biglietto costerà tanto o poco. Non applichiamo esorbitanti tariffe per il bagaglio in eccesso. Il tuo peso, più i tuoi oggetti è quello che si paga. Semplice. “

Al momento della prenotazione on-line, i passeggeri digitano il loro peso sulla voce “pay by weight”. Sul sito è scritto: “Prenotare un volo con noi è facile basta inserire il vostro peso approssimativo nel nostro motore di prenotazione on-line (non preoccupatevi, vi peseremo di nuovo in aeroporto).

Il prezzo stabilito per chilo di peso corporeo combinato con il bagaglio è più economico per le brevi rotte domestiche e più costoso per le rotte internazionali.

Samoa, come molti piccoli stati del Pacifico ha molti abitanti con gravi problemi di obesità ed è spesso inclusa tra i primi 10 paesi del mondo per i livelli di obesità, è probabile che questa politica della Samoa Air aiuterà anche a promuovere la consapevolezza di questo problema.

Alcune compagnie aeree negli Stati Uniti richiedono ai passeggeri obesi che non possono essere contenuti in un unico posto di acquistare anche quello adiacente, ma questa è la prima volta che una compagnia aerea utilizza una tariffa chilo-pax.