DESTINATIONS

La macchina dei sogni

A Los Angeles, il primo museo no profit dedicato al cinema. Tra i soci fondatori anche la maison di orologi Girard-Perregaux

A Los Angeles, il primo museo no profit del cinema. Tra i soci fondatori la maison di orologi Girard-Perregaux che farà la prossima campagna pubblicitaria sull’immenso archivio dell’esposizione


Di Germana Cabrelle

Alfred Hitchcock che tiene in mano un ciak durante le riprese di Psycho. È una delle tantissime immagini (ben 10 milioni!) dell’immenso archivio fotografico dell’Academy Museum of Motion Pictures di Los Angeles, che  troverà sede nello storico edificio della Wilshire May Company disegnato da Renzo Piano e Zoltan Pali.

Sale proiezione, teatri di posa e aule didattiche saranno decorate dalla vasta collezione d’archivio della Academy che annovera  più di 146.000 film e video, 80.000 sceneggiature, 46.000 locandine, 20.000 bozze di produzione e costumi, oggetti di scena, attrezzature cinematografiche e materiale personale di artisti usato dietro le quinte.

Un’immagine, quella di Hitchcock con il ciak che segna quindi non soltanto l’inizio di una ripresa cinematografica ma anche l’avvio di una importante partnership: quella tra la maison svizzera di orologi Girard-Perregaux che è l’esclusivo Timekeeper e socio sostenitore-fondatore del primo museo no-profit statunitense dedicato esclusivamente alla storia e all’evoluzione dell‟industria cinematografica.

A breve  Girard-Perregaux lancerà la nuova campagna pubblicitata dedicata all’archivio fotografico della Academy che avrà per claim “La macchina dei sogni”: per mettere in evidenza i meccanismi che si celano dietro la creazione di talune opere cinematografiche cult ma anche degli stessi orologi.

Va da sé, infatti, che sia l’industria cinematografia per la produzione di film che l’artigianato d’eccellenza per la manifattura degli orologi  sono entrambi, e a loro modo, scrigni di un’arte che offre a tutti la possibilità di sognare, raccontare una storia e viaggiare nel tempo.

“Orologi e cinema segnano il passaggio del tempo ed entrambi sono esenti dalle leggi dell’invecchiamento”, sottolinea Michele Sofisti, CEO del Gruppo Sowind (Girard-Perregaux e Jeanrichard). “Restano unici ed eterni sin dal momento della loro creazione”.

“Sono felicissimo di lavorare con un partner d’eccezione come Girard-Perregaux”, afferma Bill Kramer, Amministratore Delegato per lo Sviluppo dell’Academy Museum. “Siamo entrambi profondamente impegnati nella ricerca di un’eccellenza artistica e tecnologica d’avanguardia”.