DESTINATIONS

Parole e farfalle

Musei, eventi e tante curiosità culturali, il canton Ticino celebra il dialogo tra uomo e natura

Di Teresa Cremona

La Rinascita del Monte Verità

Ascona, Primavera Locarnese | 21.03. – 28.03.2013

Il Monte Verità, collina sopra Ascona, è il simbolo della cultura alternativa, e polo di convergenza di idee e personaggi storici. Il suo mito nacque a inizio Novecento quando utopisti, pensatori e naturalisti vi cercarono un’alternativa al capitalismo e al comunismo.

A questa tradizione fa riferimento l’evento Primavera Locarnese, dal 21 al 28 marzo 2013 con eventi letterari intitolati: “Monte Verità: utopie e magnifiche ossessioni” e contemporaneamente il Festival del Film Locarno che propone per la prima volta “L’immagine e la parola” vero e proprio spin-off del Festival che ha luogo dal 24 al 27 marzo 2013. Tre giorni di proiezioni e incontri per esplorare la relazione fra l’immagine in movimento e la parola scritta.

Un dialogo tra Klee e Melotti

Lugano, Museo d’Arte | 17.03. – 30.06.2013

Paul Klee (1879–1940) e Fausto Melotti (1901–1986) La mostra ripercorre l’iter creativo dei due artisti a partire dagli esordi e ne segue l’evoluzione ponendo in dialogo sessanta disegni e dipinti di Klee con ottanta sculture di Melotti. L’allestimento permette di cogliere in uno sguardo i punti di contatto fra i due artisti e sottolinea l’importanza che hanno avuto nelle loro creazioni le passioni che essi condivisero in campi diversi da quelli dell’arte visiva, come la musica, in cui entrambi si cimentarono, Klee come violinista, Melotti come pianista, e la letteratura.

L’arte al centro del Borgo

Mendrisio in Arte | 01.06. – 31.08.2013

Magnifico Borgo, è in questo modo che gli abitanti di Mendrisio parlano della propria cittadina. In effetti, le strette viuzze, le ampie corti interne e i palazzi della città vecchia ricordano molto i borghi italiani. Questo aspetto antico ben si sposa con quello invece più moderno, caratterizzato dagli edifici dell’architetto Mario Botta che insegna all’Accademia dell’architettura di Mendrisio, da lui fondata.

Questa cornice idilliaca fa per la prima volta da sfondo all’evento Mendrisio in Arte, in programma dal 1 giugno al 31 agosto. L’intera zona pedonale di Mendrisio si trasforma in una passeggiata artistica dove le opere sono esposte nelle vetrine dei negozi e negli spazi pubblici: di ogni artista una sola opera. Hanno già aderito scultori, pittori, fotografi.

I segreti del San Giorgio

Meride, Museo dei fossili

Il Museo dei Fossili di Meride, ristrutturato ed ampliato dall’architetto ticinese Mario Botta, espone una collezione di reperti fossili di flora e fauna provenienti dal Monte San Giorgio, unico in tutto il mondo e dichiarato patrimonio naturalistico mondiale dall’UNESCO.

Una ricostruzione del sauro terrestre Ticinosuchus, lunga 2,5 m, accoglie i visitatori all’ingresso del Museo. La varietà di organismi, che popolavano il mare e la sua costa nel Ticino meridionale fra i 180 e i 245 milioni di anni fa, è distribuita su quattro piani di esposizione. Un’occasione unica per riscoprire e comprendere da vicino un periodo storico affascinante.

Un universo al confine…

Cantine di Gandria, Museo doganale | 29.03. – 20.10.2013

Il Museo doganale svizzero alle Cantine di Gandria vicino a Lugano, propone ai visitatori di ammirare tutto ciò che ha a che vedere con il lavoro della dogana, dalla costituzione dello Stato federale nel 1848 ad oggi: contrabbando di merci, traffico di stupefacenti, criminalità economica, migrazione, controllo dei metalli preziosi, conservazione delle specie e protezione dei beni culturali.

«Fuga – protezione – umanità» è il titolo dell’esposizione speciale dell’UNHCR presso il Museo delle dogane svizzero a Cantine di Gandria. La mostra illustra cosa significa lo stato di rifugiato, spiega come funzionano gli aiuti umanitari nelle zone di crisi e come la Svizzera, forte della sua tradizione umanitaria, s’impegna in questa causa.

Realismo magico e Nuova oggettività: un pioniere ad Ascona

Ascona, Museo Comunale d’Arte | 10.03. – 09.06.2013

Per la prima volta riunite ed esposte al pubblico 46 opere dell’artista tedesco (Aachen 1894 – Nizza 1970), uno dei pionieri del Realismo magico e della Nuova oggettività, provenienti da collezioni private italiane, raramente presentate al pubblico o persino inedite.

Con questa iniziativa, il Museo Comunale d’Arte Moderna continua nella sua attività di valorizzazione dei maestri presenti nella sua collezione.

Hesse e le farfalle…

Montagnola, Museo Hesse | 30.03. – 01.09.2013

Forse non a tutti è noto che lo scrittore premio Nobel per la letteratura Hermann Hesse ha vissuto per molti anni a Montagnola, a due passi da Lugano. È qui che l’autore ha dato vita alle pagine del Siddharta e del Lupo nella steppa.

Hermann Hesse era però anche molto interessato alle farfalle. Da questa passione nacquero innumerevoli testi che ebbero e hanno tuttora una particolare risonanza in Giappone. L’esposizione è stata concepita nel Paese del Sol Levante dall’esperto di farfalle Kosuke Niibe e dal traduttore Asao Okada. Il Museo Hesse di Montagnola propone la mostra nei propri spazi a partire da fine marzo.

La storia dei fulmini

Lugano, Museo San Salvatore | 16.03. – 03.11.2013

Da sempre il fenomeno dei fulmini intriga l’uomo. Nel 1943, su iniziativa della Commissione studi e ricerche sull’alta tensione dell’Associazione svizzera degli elettrotecnici e dell’Unione centrali elettriche svizzere, si creò in vetta al San Salvatore un centro di studi sui fulmini. Fino agli anni ’70 il centro era considerato fra i più all’avanguardia in questo settore. Oggi gli spazi sono sede del Museo del San Salvatore e permettono di ripercorrere la storia del Centro di ricerca sui fulmini e di comprendere al contempo il significato storico dei temporali.

Opere monumentali

Castelgrande, Bellinzona | 23.03. – 18.08.2013

Bellinzona, la capitale del Canton Ticino, storicamente era vista da Sud come l’entrata alla catena Alpina, mentre chi scendeva da Nord la considerava la “porta d’Italia”. Oggi la cittadina è soprattutto nota per i suoi tre castelli divenuti patrimonio dell’UNESCO dal 2000.

Ad arricchire la scoperta del capoluogo ticinese, questa primavera il Castelgrande accoglie nella sua corte interna l’esposizione delle imponenti sculture dell’artista franco-svizzero André Raboud.

Al Castello di Sasso Corbaro sono invece esposte fotografie e numerose cartine del viaggio che il fotografo e scrittore Markus Zohner ha realizzato tra 2008 e 2009 percorrendo per nove mesi da Venezia a San Pietroburgo le tracce dell’antica Via dell’Ambra. 4000 chilometri documentati in una mostra che illustra il suo avventuroso viaggio attraverso 12 Paesi nel cuore dell’Europa.

Ulteriori informazioni su questi e altri temi su www.ticino.ch.