NEWS

Carte di credito in Myanmar

Il Myanmar apre all’introduzione di Visa e di altre carte di credito straniere

Il Myanmar apre all’introduzione di Visa e di altre carte di credito straniere

Di Teresa Cremona

Visa, MasterCard, China UnionPay e Giappone Credit Bureau sono state autorizzate dal Ministero delle Finanze a entrare nel paese, lo ha annunciato ufficialmente il New Light of Myanmar, il giornale però non ha specificato da quando l’introduzione è effettivamente operativa.

Il Post and Telecommunications department and Myanmar Information Technology Co. è il gestore della parte tecnica dei servizi delle carte bancarie locali e del bancomat e del loro utilizzo in alberghi e ristoranti.

A causa di decenni di sanzioni degli Stati Uniti, le principali carte di credito fino a ora non erano accettate nel paese ma Washington all’inizio di quest’anno ha allentato le restrizioni dopo che il Governo ha effettuato alcune riforme, come la liberazione di alcuni prigionieri politici e l’elezione al Parlamento del vincitore del Premio Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi.

Master Card ha confermato che il mese scorso ha firmato un accordo con Myanmar Co-Operative Bank e che spera di rendere presto effettivi i pagamenti elettronici. Intanto a Yangon e in altre grandi città, durante l’estate sono state istallate alcune postazioni ATM, il cui uso fino ad oggi è ancora limitato ai clienti con un conto nazionale.