DESTINATIONS

Franschhoek come Francia

Il 14 luglio la cittadina a un’ora da Cape Town celebra la presa della bastiglia tra cantine e campi di lavanda

Il 14 luglio la cittadina a un’ora da Cape Town celebra la presa della bastiglia tra cantine e campi di lavanda

Di Lorella Beretta

Tra champagne e chocolatier, vigneron d’Oltralpe e drapeau bleu, blanc et rouge, il 14 e 15 luglio, a un’ora da Cape Town si festeggia la presa della Bastiglia: per due giorni è più francese che mai l’aria a Franschhoek, una delle più antiche cittadine del Sudafrica, meta obbligata dei tour di degustazione dei pregiati vini e delle bolle in bottiglia, dei cioccolati e delle specialità francesi, tra campi di lavanda dai colori provenzali nella vallata circondata dalle montagne che contornano la città su tutti i lati, la Franschhoek Wine Valley (nella foto sopra).

Fondata sul finire del 1688 dagli Ugonotti in fuga dalla Francia, Franschhoek (Angolo dei francesi) a differenza di altri insediamenti europei, non solo non ha perso i richiami alle origini ma ne ha fatto un motivo di orgoglio e di rilancio dell’economia di tutto il territorio.

A rendere ancora più forte l’accento francese sulla città, quest’anno ci sono anche dieci produttori di vini dalla regione Rhone-Alpes che propongono una selezione dei migliori Syrah e altri vitigni in aggiunta alle degustazioni dei pregiati vini locali. Ma oltre a mangiare si può ballare o ascoltare la musica dei menestrelli o quella suonata dagli alunni delle scuole cittadine.

La festa è diffusa in tutta la vallata: a Franschhoek, sviluppata principalmente sull’asse centrale di Huguenot Road – dove si trovano gallerie, ristoranti e negozi – ci sono bancarelle con ogni sorta di cibo, dalle marmellate artigianali ai cioccolati e dolci dei più rinomati pasticceri sudafricani, bracciali e soprammobili di perline intrecciate nei progetti di sviluppo delle comunità locali a quadri, mobili antichi o quelli frutto dell’ingegnosa fantasia dei bravissimi designer sudafricani. L’aria si profuma delle spezie dei piatti tipici della cucina sudafricana, del burro dei croissant francesi, del bruciato delle griglie che ardono ogni cinque metri.

Ma come sempre, e più del solito, nelle winery si può mangiare, passeggiare in mezzo alle vigne, passare il tempo in allegria e con un bicchiere in mano, mentre i bambini partecipano alle tante attività in programma.

Se oltre a camminare per le strade per godere dell’insolito clima “rivoluzionario” della quiete di questa antica cittadina, si vuole entrare nel turbinio delle degustazioni si possono acquistare due differenti biglietti: uno, di 150 rand per persona (15 euro) che include l’ingresso al mercato di cibo e vini particolari, un bicchiere per le degustazioni e un libretto di coupon che permettono di avere prezzi speciali sui wine tasting. C’è anche un ticket VIP di 395 rand (quasi 40 euro) che comprende invece wine tasting dei vini dalla Francia, dalle vigne di Franschhoek e una selezione di delizie culinarie di ispirazione francese.

Info: franschhoek.org.za/events/event/franschhoek-bastille-festival/

Dove mangiare e degustare vini

French Connection Ristorante Bistro. Tavolini alla francese sotto il patio ed eleganza semplice nelle sale interne, il menù cambia a ogni stagione e si basa su alimenti rigorosamente freschi e locali. Sul sito internet si trovano le portate con relativi prezzi (48 Huguenot Road, www.frenchconnection.co.za).

Bread and wine E’ uno dei ristoranti più cool del momento ed è sempre meglio prenotare, si trova all’interno della Moreson Winery. L’ambiente è in stile bucolico e niente è fuori luogo. Con il pane, e le focacce, si accompagnano formaggi e salumi pregiati ma il menù è anche ricco di pesce e carni delicate di cacciagione o provenienti dagli allevamenti della zona (Moreson Farm, Happy Valley Road, www.moreson.co.za).

Haute Cabriere E’ una delle winery più antiche, datata 1694. La scritta sul pilastro centrale recita “Sole, Suolo, Vino, Uomo”, i quattro concetti al centro della filosofia di questo luogo speciale, baciato dal sole. Qui c’è un ristorante elegante e menù ricercati e deliziosi, le splendide cantine dove fare le degustazioni immersi nella storia di questa tenuta (Pass Road, www.cabriere.co.za).

Grande Provence Estate Lusso e Storia per quest’ultima segnalazione, altro esempio di Architettura Cape Dutch, anch’essa datata 1694, dove si può mangiare, degustare, dormire immersi vigneti e nella natura della vallata (Main Road, www.grandeprovence.co.za).

My Wyn E’ la più piccola cantina di vino di Franschhoek e nasce nel 2001 da un vecchio sogno di Jacoline Haasbroek. Ci si arriva da una strada che si arrampica su una montagna ricoperta da foresta e vigneti: le degustazioni si fanno da una terrazza a picco sulla vallate, ricavata dalla casa rurale in cui abita Jacoline con marito e cani (Uithoek Farm, Uitkyk Street, www.mywynfranschhoek.co.za).