INTERVIEWS

Mezzina: il futuro è online

Turismo e mercato virtuale secondo il fondatore di Slash, agenzia di web marketing, e di Travel People, social network con più di 135 mila iscritti

Paolo Mezzina ha avuto da sempre a che fare con la rete. Cominciò a click.it quando il web entrava appena e con discrezione nelle case italiane. Oggi nella dimensione 2.0 e oltre, Mezzina dirige Slash, agenzia di web marketing specializzata in turismo e non profit, dove coordina un gruppo di 24 persone. Parliamo con lui di turismo online

paolo mezzina

A cura di Andrea Foschi

Come è nata la sua passione per la rete? Da sempre sono appassionato di innovazione e il mio esordio lavorativo fu presso una delle prime agenzie di marketing digitale, la storica click.it. Da allora il mio lavoro si è evoluto in questo ambiente, quello del web e delle applicazioni dal punto di vista del marketing.

Come si è evoluto il mercato negli ultimi anni?
Dieci anni fa erano molto le perplessità sugli investimenti pubblicitari e di marketing online. L’innovazione e il rischio dipendono dalle attitudini delle persone. Allora la classe dirigenziale, anche per una questione generazionale, dimostrava reticenza e sottovalutazione di questo strumento. Oggi tutto è cambiato. Si è capito l’importanza di Internet in termini di audience, comunicazione e misurabilità degli strumenti e delle tecniche connesse alla rete.

Cosa chiedono oggi gli investitori?
Creazione di strategie, mix di strumenti di marketing misurabili in tempo reale, implementazione e monitoraggio dei risultati. Richieste che nella nostra agenzia siamo in in grado di soddisfare dando risposte personalizzate sulle base delle esigenze del cliente.

Da cosa dipende la scelta della vostra specializzazione sul turismo online?
Primo per la passione per l’argomento e per la sua importanza sul web, e in secondo luogo perché vediamo nel viaggio la possibilità di dare una connotazione specialistica e identificabile alla nostra agenzia. Il nostro primo cliente del settore fu Europ assistance, al quale seguì l’Ente del Turismo della Danimarca. Oggi abbiamo un portafoglio di oltre 30 clienti tra tour operator, compagnie aeree, società di servizi, enti del turismo e agenzie di viaggio.

L’ultimo vostra iniziativa nel settore si chiama Travel People. Di che cosa si tratta?
È un social network sul turismo dove realizziamo progetti di trade marketing. Nasce dalla considerazione che non esistevano servizi online dedicati alle agenzie di viaggio che nonostante l’avvento del web sono utilizzate ancora da 9 milioni di italiani. L’agenzia infatti rappresenta un fattore di rassicurazione per che acquista un vacanza. travelpeople.it è un’opportunità in più per gli agenti di viaggio per incontrare nuovi clienti al di fuori dal territorio di appartenenza, estendendo così il proprio business che oggi soffre comunque di un calo del mercato dovuto agli acquisti diretti online soprattutto di biglietteria aerea e ferroviaria.

Come funziona nei dettagli Travel People?
È un luogo di incontro in rete di viaggiatori, agenti di viaggio e operatori del turismo. Si instaurano così relazioni dirette tra il viaggiatore e l’agente di viaggio che può così interagire con il potenziale cliente nelle logica del “customer relation marketing”. Il rapporto va oltre la valutazione del mero fattore di costo di una vacanza, e si basa anche sulla fiducia che si instaura tra i vari soggetti che dialogano in rete nella logica della domanda e risposta. Travel People è aggiornato dagli utenti che caricano consigli esperienze e immagini di viaggio (tramite sistema UGC, User Generated Content, ndr). La sezione blog è invece curata da una redazione interna e fornisce aggiornamenti sul tema del viaggio legati all’attualità. Gli operatori del turismo come gli enti del turismo e i tour operator possono caricare gli speciali sulle località e i cataloghi. Alcuni servizi sono a pagamento altri sono gratuiti. I numeri ci stanno dando ragione. Ad oggi sono iscritti a Travel People 5000 operatori turistici, 120.000 viaggiatori, 10.000 agenti di viaggio (il 70% delle agenzie italiane).

Travel People presenta annualmente l’osservatorio del turismo online: analisi statistiche sul tema degli italiani online e il viaggio. Il rapporto globale è scaricabile dal sito www.osservatorioturismo.org.

Alcuni dati essenziali del rapporto 2011:

36,4 milioni sono gli utenti Internet in Italia di cui il 78% raccoglie informazioni online per il viaggio.

Tipologie di acquisti:

crociere 3%

traghetto 13%

autonoleggio 18%

treno 33%

pacchetto turistico 18%

albergo 66%

aereo 8%

Durata della vacanza:

da 1 a 2 settimane 71%

3 o più settimane 19%

meno di 1 settimana 10%

Vacanza principale:

Italia 62%

estero 38%

Acquisto sul web:

trasporto 33%

alloggio 38%

assicurazione 14%

Acquisto in agenzia:

trasporto 15%

alloggio 15%

assicurazione 13%

Prime 5 località italiane:

Sicilia 13,6%

Puglia 12%

Sardegna 10%

Emilia Romagna 9,4%

Toscana 9%

Prime 5 località estere:

Spagna 19,3 %

Grecia 10,3%

Francia 9,1%

Croazia 7.9 %

Stati Uniti 5,4%