Europe

Alberghi letterari

In occasione della Giornata mondiale del libro il 23 aprile, www.trivago.it ha scelto i 10 hotel più belli dove hanno dormito grandi scrittori

In occasione della Giornata mondiale del libro il 23 aprile, www.trivago.it ha scelto i 10 hotel più belli dove hanno dormito grandi scrittori

La camera 217 del Gran Perla, dove Hemingway era solito trascorrere i suoi soggiorni a Pamplona, è rimasta intatta e a disposizione dei propri ospiti, mentre nella stanza 411 del Pera Palace di Istanbul è stato creato un piccolo museo in onore di Agatha Christie, che nell’hotel ha scritto il Assassinio sull’Orient Express. In occasione della Giornata mondiale del libro, www.trivago.it ha scelto gli alberghi più belli dove hanno dormito anche famosi scrittori. Da Oscar Wilde a D’Annunzio, da Göethe a Saint Exupery, dieci hotel per sognare dove hanno sognato i grandi della letteratura.

Hemingway: Gran Hotel La Perla, Pamplona La festa di San Fermin deve parte della sua fortuna a Hemingway che ha ambientato a Pamplona uno dei suoi libri piú noti, Fiesta, durante le celebrazioni con la famosa corsa dei tori. Lo scrittore statunitense ha visitato diverse volte la cittadina navarra e i suoi luoghi fanno parte di un itinerario per tutti gli appassionati: bar Txoko, caffé Iruña e caffé Kutz sono imperdibili. Nei suoi soggiorni a Pamplona Hemingway soggiornava al Gran Hotel La Perla e la camera 217 (ora 201) è rimasta uguale. Da 68 € a persona in camera doppia via Logitravel (23.4.2012/24.04.2012)

Nabokov: Fairmont Le Montreaux Palace, Monteaux C’è ancora chi si ricorda a Montreaux Vladimir Nabokov andare a caccia di farfalle, una delle sue maggiori passioni; tanto che un giorno disse: «Amo la scrittura e la caccia alle farfalle, i piaceri più intensi che un uomo possa conoscere». Lo scrittore di Lolita si trasferì sul Lago Lemano nel 1961, soggiornando fino alla sua morte in una suite del Palace di Montreaux. L’hotel del 1906, affacciato sul lago, ha una Spa di oltre 2.000 metri quadrati dove rilassarsi e dedicarsi alla lettura. Da 150 € a persona in camera doppia via Booking.com (23.4.2012/24.04.2012)

Agatha Christie: Pera Palace, Istanbul Nel 1889 l’Orient Express giungeva per la prima volta a Istanbul e sei anni piú tardi fu inaugurato il Pera Palace Hotel. Ideato per accogliere i viaggiatori che da Parigi arrivavano al Bosforo, l’albergo divenne presto la meta preferita da molti letterati e intellettuali di passaggio. Agatha Christie trasse ispirazione per scrivere Assassinio sull’Orient Express durante uno dei soggiorni al Pera Palace, nella stanza 411, ora museo in suo onore. Molto suggestive le camere con vista sul Corno d’Oro. Da 154 € a persona in camera doppia via Splendia (23.4.2012/24.04.2012)

Proust: Grand Hotel de Cabourg, Cabourg Il Grand Hotel de Cabourg in Normandia, inaugurato nel 1907, è situato in un’invidiabile posizione sulla Manica. L’hotel fu la meta dello scrittore francese Marcel Proust, che lo immortalò ne Alla ricerca del tempo perduto con il nome di Grand Hotel de Balbec. Proust era un visitatore abituale, e la sua stanza è stata mantenuta com’era. Camere spaziose, balconi che si affacciano sul mare, ampi terrazze e rigogliosi giardini. Da 90 € a persona in camera doppia via Otel.com (23.4.2012/24.04.2012)

D’Annunzio & co: Grand Hotel et de Milan, Milano Se Gabriele D’Annunzio, cultore dell’estetismo, sceglieva il Grand Hotel et de Milan per i soggiorni milanesi un motivo c’era. La fortuna di questo hotel inaugurato nel 1863 é legata agli ospiti che lo hanno eletto a propria residenza milanese. Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini e Maria Callas sono altri illustri ospiti del Grand Hotel, a cui sono state dedicate delle suite. Ospite recente, anche il premio per la letteratura Nobel Orhan Pamuk. Da 279 € a persona in camera doppia via Octopus.com (23.4.2012/24.04.2012)

Göethe: Hotel Elephant, Weimar A due passi dal teatro nazionale, nella piazza centrale di Weimar, si trova l’Elephant Hotel, una struttura storica che risale al XVII secolo. Nei secoli celebri autori hanno soggiornato nell’albergo, da Tolstoy a Thomas Mann, anche se il nome dell’Elephant é legato a Goethe. L’edificio è una sintesi di vari stili, dall’Art Déco al Bauhaus, e ha 99 camere. Da non perdere a Wimar  la visita a della biblioteca Anna Malia Herzogin e le case dove hanno vissuto Goethe e Schiller. Da 56 € a persona in camera doppia via Booking.com (23.4.2012/24.04.2012)

Fleming: Palacio Estoril, Estoril Durante la seconda guerra mondiale diversi membri dell’aristocrazia europea e molte spie in fuga dalle dittature del tempo si rifugiarono a Estoril, tanto che la zona fu ribattezzata Costa dei Re. Le storie di intrighi e spionaggi legate a quell’epoca hanno ispirato l’ospite Ian Fleming alcuni romanzi della saga di James Bond, e anzi, alcune scene di Al servizio segreto di sua maestà sono state girate nell’albergo. Imperdibile un drink nella terrazza panoramica dell’hotel, un martini vigorosamente agitato e non mescolato. Da 83 € a persona in camera doppia via Otel.com (23.4.2012/24.04.2012)

Wilde: The Cadogan, Londra Costruito nel 1887, è conosciuto soprattutto per le schermaglie amorose dei suoi illustri ospiti, tra cui il re Edoardo d’Inghilterra, l’attrice britannica Lillie Langtry e Oscar Wilde. Situato nei pressi di Hyde Park, Buckingham Palace, e vari musei, il Cadogan si trova nel cuore delle attrazioni turistiche e culturali di Londra. 65 camere e suite, arredate in stile edoardiano rivisitato in chiave moderna. Da 128 € a persona in camera doppia via Expedia (23.4.2012/24.04.2012)

Scott Fitzgerald: Algonquin Hotel, New York Erano gli anni del primo dopoguerra quando un circolo di intellettuali americani si riuniva in una delle suite dell’Algonquin Hotel. Il club, divenuto noto come la Tavola rotonda dell’Algonquin, contribuí alla creazione del The New Yorker Magazine ed ebbe una certa influenza con gli scrittori dell’epoca come Hemingway e Fitzgerald. Lo stesso autore del Grande Gatsby fu ospite dell’hotel diverse volte. L’Algonquin riaprirá i battenti il 1 maggio in seguito a dei lavori di conservazione, finalizzati a far rivivere all’hotel i farzi e lo splendore di un tempo. Da 147 € a persona in camera doppia via Expedia (15.6.2012/16.06.2012)

Saint Exupery: Concorde Lutetia, Parigi James Joyce scrisse parte dell’Ulisse al Lutetia, dove hanno dormito anche André Gide, Picasso e Saint Exupery. L’edificio fu costruito nel 1910 dal proprietario dei grandi Magazzini Bon Marché, che voleva una sistemazione di prestigio nella Ville Lumiere per i suoi clienti. Fu occupato dall’esercito nazista durante la guerra, ma subito dopo riportato al suo splendore e riaperto al pubblico. Gli ospiti sono trattati come piccoli principi, nella spa, nella brasserie e in camera. Da 120 € a persona in camera doppia via Otel.com (23.4.2012/24.04.2012)