Italy

La Pasqua di Castelsardo

La Settimana Santa nel borgo sardo comincia con Lunissanti (quest’anno il 2 aprile), giorno di preghiera, misticismo e festa grande

La Settimana Santa nel borgo sardo comincia con Lunissanti (quest’anno il 2 aprile), giorno di preghiera, misticismo e festa grande

[slideshow id=72]

Testo e foto di Gianmario Marras

Di Sardegna non ce n’è una sola. C’è quella alla moda della Costa Smeralda, e ci sono tutte le altre: la selvaggia Barbagia, Alghero la catalana e Carloforte la ligure, l’intellettuale Piscinas; quella polinesiana delle spiagge e quella nuragica dell’interno. Tutte con un copione recitato a memoria, a uso e consumo dei turisti dell’estate. Ma per trovare una delle anime più autentiche dell’isola e capirla, ci sono una stagione ideale, la primavera, un posto, Castelsardo, e un’occasione speciale, Lu Lunissanti, che inaugura i riti della settimana prima di Pasqua. Il lunedì, il rito più importante inizia all’alba e culmina all’imbrunire, quando, spente tutte le luci elettriche, solo le fiaccole illuminano la processione e il paese: sfilano gli Apostuli, abito bianco e cappuccio a cono, con in mano i Misteri, simboli della Passione di Cristo. E li accompagnano dodici cantori che a ogni tappa intonano sos gosos, canti polifonici di origine medievale. Lu cabu di lu moltu, il teschio che apre il primo gruppo dei Misteri, aggiunge un brivido all’atmosfera mistica che, da secoli, conclude una giornata di devozione ma anche di festa: all’ora di pranzo, quando la processione arriva alla basilica romanica di Tergu, si scioglie nel verde e diventa scampagnata; si arrostisce il pesce e il porceddu, si offrono dolci, si salutano gli amici che tornano anno dopo anno per partecipare a uno dei momenti più sentiti della comunità.

Nel 2012, Lunissanti cade di lunedì 2 aprile. Nonostante la festa e la bella stagione, molti alberghi della zona sono ancora chiusi.

Dormire
A Castelsardo, si può prenotare una camera senza pretese all’Hotel Baga Baga, appena fuori dal paese, con vista sul mare e giardino e servizio cortese. (Loc. Terra Bianca, tel.079479122; doppia 100 €).
Hotel Pedraladda. Ha vista sul mare e sul borgo medioevale, camere curate, due ristoranti e piscina (via Zirulia 50, tel. 079470383; doppia da 76 €).

Mangiare
Il Cormorano Ha pochi tavoli in ambiente accogliente e menù stagionale (soprattutto pesce). Conto sui 50 € per uno dei migliori ristoranti della Sardegna (via Colombo 7, Castelsardo, tel. 079470628).