Italy

Ara Pacis si rinnova

Il museo di Roma chiude dal 26 marzo per lavori di ridistribuzione degli spazi. Riape il 4 aprile con 1000 mq in più per le mostre

Dal 26 marzo il Museo dell’Ara Pacis di Roma è chiuso al pubblico per lavori di ridistribuzione degli spazi. Riapre il 4 aprile con oltre 1000 mq per le mostre temporanee e con allestimento di reperti archeologici con apparati multimediali all’avanguardia

A 6 anni dall’inaugurazione, dopo essere stato visitato da oltre 1 milione e mezzo di persone e dopo aver ospitato decine di mostre di successo, il Museo dell’Ara Pacis, progettato dallo studio dell’architetto statunitense Richard Meier, si rinnova.

I lavori di sistemazione e riallestimento del museo rendono necessaria la chiusura al pubblico dal 26 marzo al 4 aprile, per riaprire il 5 con la mostra Avanguardie russe, 70 opere dei più grandi maestri russi di inizio Novecento tra cui Kandinskij, Chagall, Rodchenko, Malevich, Tatlin, Lentulov e Goncharova. L’esposizione è a curadi Victoria Zubravskaya e dura fino al 2 settembre.

A fine lavori, aumenta la superficie espositiva del 50%. Nuova sistemazione anche dei reperti archeologici, più visibili e fruibili grazie ad apparati multimediali che offrono contenuti e approfondimenti.

Museo Ara Pacis
www.arapacis.it