HOTEL COLLECTION BY TERESA CREMONA

Sardargarh Heritage Hotel, Rajasthan (India)

A 90 km da Udaipur, si raggiunge per strade di campagna, fra mandrie di cammelli, greggi di pecore e di caprette, villaggetti di povere case, bambini che salutano, anziani che sorridono e donne che lavorano i campi

A 90 km da Udaipur, si raggiunge per strade di campagna, fra mandrie di cammelli, greggi di pecore e di caprette, villaggetti di povere case, bambini che salutano, anziani che sorridono e donne che lavorano i campi

[slideshow id=57]

Di Teresa Cremona

Il forte appare all’improvviso alto su una collina, ha mura possenti, scure, merlate da vera fortezza, è però sovrastato da cupole mogul di splendente marmo bianco, leggere e eleganti, simili alle corolle capovolte di un fiore. Fu costruito tra il 1738 ed il 1743 da Sardar Singh, potente signore dei luoghi ed in occasione della sua inaugurazione il Maharana Jagat Singh, re di Udaipur fu così impressionato da questa architettura che nominò Sardar Singh supervisore alla costruzione del Jag Niwas, ora noto come Lake Palace.

Creazione stravagante di 300.000 mq, isolata tra le montagne, è come una nave ancorata al di sopra del povero villaggio di Lawa e si fonde in tutt’uno con le rocce sottostanti delle collina Aravalli, affaccia sul lago Manohar Sagar sterminata estensione di acqua da cui emergono gli alberi dei boschi del Chuppun.

Il perimetro delle mura è imponente, costruito per resistere ai predoni e agli eserciti con un maestoso portone d’ingresso che è ancora quello originale e che conserva l’armatura di acuminate punte che impedivano le cariche degli elefanti. È di proprietà dei discendenti di Sardar Singh che lo hanno in parte restaurato (un’altra parte che si vede camminando sugli spalti è ancora in totale decadenza, ed è molto, molto suggestiva) e lo hanno trasformato in “heritage hotel” che gestiscono direttamente. Avrete quindi l’emozione di pagare il conto direttamente al maharaja. All’interno del forte è un susseguirsi di passaggi, camminamenti, terrazze, patii. La sala da pranzo è ospitata nel diwan di una corte e si cena al lume di candela con i musicisti  seduti 3 gradini più in basso al centro del prato, nella corte seguente c’è la piscina, in quella più grande e centrale, con giardino e diwan con cupola, gli ingressi alle camere (una ventina in tutto) che in parte affacciano sul villaggio ai piedi del forte e in parte sul lago e sulla vallata. Le stanze sono molto grandi arredate come un nostro 3 stelle, senza lusso, sono semplici ma non sono anonime, i mobili scuri e di recente fattura hanno linee orientali e tutto è molto pulito. E le serate sono romantiche seduti sul divano altalena nell’anticamera-salotto all’aperto, affacciata sul giardino illuminato dalle candele e con l’accompagnamento dal rumore dell’acqua delle fontane e al mattino la prima colazione ha buoni sapori casalinghi e si fa sulla terrazzza fra ‘chatri’ e mura merlate.

Sardargarh Heritage Hotel
Sardargarh
Dist. Rajsamand
Rajasthan, India
www.sardargarh.in