HOTEL, SPA & CO

Hostel sì, ma “boutique”

Facciata d’epoca, interni di design, wi fi. L’ostello Wink a Singapore è un modello di ospitalità low cost-hi quality (e hi tech)

Facciata d’epoca, interni di design, wi fi. L’ostello Wink a Singapore è un modello di ospitalità low cost-hi quality (e hi tech)

Di Valeria Del Vecchio

Wink: di nome e di fatto. Di nome perché si chiama effettivamente Wink Hostel. Di fatto perché ammicca civettuolo, forte del suo stile innovativo e hi tech, agli imponenti grattacieli e monumenti che caratterizzano il linguaggio urbanistico di Singapore. Definirlo solo ostello potrebbe però fuorviare i lettori, visto la distorta e spesso prevenuta considerazione che si ha di questo tipo di struttura. Snocciolerò quindi un po’ di numeri e superlativi per convertire gli scettici. Il Wink Hostel si è già posizionato al primo posto della classifica “Specialty Lodging in Singapore” di Tripadvisor, ricevendo un eccezionale feedback da parte degli ospiti e rivoluzionando il panorama alberghiero della città. Si perché, bando alla tradizione, si propone come un gioiello architettonico spudoratamente ricercato e attento al design e alla qualità, senza rinunciare alla comodità e alla convenienza.

Può quindi essere definito un “boutique hostel” e consigliato anche agli esigenti Flashpacker – l’ultima frontiera del turismo – che viaggiano all’insegna dell’indipendenza e del risparmio, ma con un occhio sempre rivolto alla tecnologia, alla modernità e al futuro. Le tariffe partono da S$ 50 per un letto singolo e da S$ 90 per la doppia, con colazione e connessione wi fi (30 € per la singola; 55 € per la doppia).

Wink Hostel
8A Mosque Street
Chinatown, Singapore
tel. +65 62222 940
stay@winkhostel.com
www.winkhostel.com