DESTINATIONS

Israele in pratica

Dove dormire, mangiare, come girare e con chi andare. In più dieci cose da non perdere durante un viaggio nella Terra Santa

Testo e foto di Gianmario Marras

Per vedere Israele dalle montagne innevate del Golan al deserto del Negev, dal Mar Rosso al Mar Morto, ci vogliono almeno dieci giorni di tempo.

Arrivare El Al (www.elal.com) ha voli quotidiani diretti da Roma e Milano (rispettivamente in 3 e 4 ore), con tariffe da 164 € per l’andata.

Documenti Serve il passaporto con almeno 6 mesi di validità; ricordate che il timbro di Israele può precludere l’ingresso in alcuni Paesi arabi. Per superare il problema potete far apporre il timbro su un pezzo di carta qualsiasi.

Muoversi Il modo migliore per viaggiare nel Paese è noleggiare un auto e la patente italiana è sufficiente (dall’Italia si può prenotare una piccola cilindrata con meno di 130 € con Autoescape, tel. 848782117, www.autoescape.it), le strade sono in buone condizioni, da nord a sud ci sono circa 490 chilometri, da est a ovest 140. In alternativa si può utilizzare l’efficiente servizio autobus che copre tutto Israelee (Egged  www.egged.co.il/eng/ ). In alcuni punti, il traffico può essere rallentato da posti di blocco, soprattutto per entrare  in Cinsgiordania (dove si trovano Gerico e Betlemme ): qui dovete mostrare il passaporto.

Clima I periodi  migliori per visitare Israele sono la primavera e l’autunno; l’estate è calda e  d’inverno, al nord e in certe zone del deserto, può nevicare, mentre a Eilat difficilmente di giorno si scende sotto i 20° C.

Informazioni Ufficio Turismo Israeliano tel. 02804905, general@israele-turismo.itwww.goisrael.com/Tourism_Ita. Ministero Affari Esteri Italiano www.viaggiaresicuri.it.

Prefisso telefonico: Per telefonare in Israele dall’Italia o da cellulare italiano bisogna anteporre al numero il +972.

Tour Operator L’operatore specializzato è Easy Israel (www.easy-israel.it).

Dormire
L’offerta è molto ampia, oltre agli alberghi, ci sono i kibbutz, in origine fattorie agricole collettive trasformate spesso in hotel di buon livello (www.kibbutz.co.il), e  le “tsimmers” camere in bungalow  in legno soprattutto fra le colline verdi del nord.

Galilea
Lavi Hotel Kibbutz storico, a pochi chilometri dal Mar di Galilea, in parte adibito ad albergo con belle camere, piscina, ristorante gourmet con ingredienti kosher (Mobile Post Lower Galilee 15267, tel. 972/46799450; doppia da 190 $).

Villa Galilee Nel paesaggio montano dell’alta Galilea, questo boutique hotel è un buon punto di partenza per la visita della citta di Tsfat e delle aree naturalistiche del nord, fino ai confini con Libano e Siria. Camere arredate con cura, ristorante con cucina francese, spa  (Hagdud Hashlinshi 106 Har Canaan, Zafed, tel. +972/46999563, www.villa-galilee.com; da 250 $)

Gerusalemme
Mamilla Hotel Elegante e modernissimo, con terrazza panoramica, piscina, centro benessere, ristoranti, a due passi dalla città vecchia, a dal Mamilla Mall, nuovo centro commerciale cittadino (11 King Solomon St, tel. +972/25482222, da 220 €).

Dan Boutique Hotel Camere spaziose e vista sulla città vecchia, wi-fi e centro fitness (31 Hebron Road, tel. +972/35202552, www.danhotels.com; da 118 €).

Jerusalem Hotel Atmosfere mediorientali fra antiche mura in pietra, gli arredi sono di pregio e l’ambiente originale (ma bagni minuscoli). C’è il giardino, un buon ristorante e si organizzano visite guidate alla città (Nablus Road, tel. +972/26283282, www.jrshotel.com; da 138 €).

Deserto del Negev
Kibbutz Lotan Guesthouse Nel cuore del deserto. ad Arava, ha centro di salute olistica e di ecologia creativa. Sistemazione semplice in case di fango con cucina (Rte 90, tel. +972/86356935, www.kibbutzlotan.com; da 70 €).

 

Mangiare
Tel Aviv
Manta Ray Restaurant Sulla spiaggia menù tutto pesce, ma una costata, chiedendola, ve la preparano (Alma Beach West, tel. +972/35174773, da 25 €)

Tiberiade
Galei Gil Carne e pesce alla griglia, e soprattutto vista sul lago di Tiberiade, quello dove Gesù camminò sulle acque. Piatto forte il pesce San Pietro alla griglia (Old Promenade, tel. +972/6720699; 20 €).

Bet Shean
Muza Restaurant (Kibbutz Nir David, tel. +972/46488525; 15 €). Fra palmeti, cascatelle e sorgenti nel cuore del Parco Nazionale Gan Hashlosha, menu kosher e ampia scelta di piatti vegetariani, pasta, pizza, focacce, filetti  di pesce. Menù  € 15

Gerusalemme
The Eucalyptus Cucina di ispirazione biblica, ingredienti kosher e vista sulla città vecchia (14 Hativat Yerushalaim, tel. +972/2624433; 20 €).

Mahane Yuda Cucina creativa e fornelli a vista dove 3 chef cantano e ballano mettendo in scena uno spettacolo non solo culinario. Il menù cambia giornalmente. Prenotazione consigliata (10 Beit Yaakov St, tel. +972/25333442; 20 €).

Dieci cose da non perdere

1 Tel Aviv Il  venerdì sulla Drummers’ Beach, per suonare, andare in windsurf e prendere il sole.

2 Parco Nazionale di Avdat, nel deserto del Negev, è la location del film Jesus Christ Superstar.

3 Tsfat sui monti della Galilea, dove domina il colore turchese e la cabala è una cosa seria.

4 Gustare con pochi soldi il meglio dei sapori mediorientali al Mahane Yehuda, il mercato alimentare di Gerusalemme.

5 Visitare Yad Vashem , il Museo Memoriale dell’Olocausto di Gerusalemme: 6.000.000 di motivi lo richiedono.

6 Andare per vigne e cantine in Galilea e Golan, per scoprire che qui il vino non è acqua.

7 Un tuffo con i delfini nelle acque del Mar Rosso, al Dolphin Reef di Eilat.

8 Nuotare sulle onde del Mar Morto, nella depressione più profonda del pianeta, candidata a divenire una delle 7 nuove meraviglie del mondo.

9 Bet Shean, antica roccaforte ebraica e cancello del Giardino dell’Eden, fra vestigia romane e bizantine, visitabili anche di notte.

10 Ad Akko, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, per ritrovare l’atmosfera del tempo dei crociati, di Marco Polo e Saladino, fra bastioni, minareti e chiese affacciati sul mare.

.