Italy

Eat-parade

Dallo schermo alla carta, Bruno Gambacorta continua a dedicarsi alla cultura e alla vita enogastronomica dell’Italia meno nota

Dallo schermo alla carta, Bruno Gambacorta continua a dedicarsi alla cultura e alla vita enogastronomica dell’Italia meno conosciuta

Di Teresa Cremona

Giornalista televisivo e autore della rubrica Eat Parade che da 13 anni coinvolge tutti gli italiani con le sue storie enogastronomiche, Bruno Gambacorta ha deciso fissare su carta tutte quelle storie, interviste e personaggi che hanno catturato maggiormente la sua attenzione e curiosità, per approfondire alcuni temi e per svelare questi piccoli grandi mondi che spesso ignoriamo.

Da qui ne nasce Eat Parade. Alla scoperta di personaggi, storie, prodotti e ricette fuori dal comune (RaiEri e Vallardi; 15,90 €), un libro che ripercorre l’intera penisola e racconta di 35 storie che il suo autore ha con fatica selezionato durante questi anni di ricerche per le sue trasmissioni. Ognuna delle regioni italiane è rappresentata da almeno un racconto con una ricetta e con una scoperta. È quindi un libro sull’Italia di oggi in cui il cibo e il vino sono il “taglio giornalistico” per dare uno spaccato della nostra società, quella a volte meno conosciuta, meno glamour e meno strillata, ma di certo non meno importante.

In questo libro, Bruno Gambacorta ha selezionato e raccolto più di settanta ricette d’autore, dalle più semplici e pratiche alle più complesse alcune semplicissime e folgoranti, altre più complesse e sontuose, per poter utilizzare e apprezzare al meglio i frutti che la terra ci sa dare.

Alcune sezioni sono dedicate al “Saper fare” in cui Gambacorta descrive un artigianato raffinato come la mozzarella, il culatello verdiano, i salumi di pecora sardi e i risi storici del nord Italia. Nella sezione “Far sapere” invece individua le esperienze più originali e geniali di comunicazione in campo enogastronomico: da “Cantine aperte” ai “Musei del cibo”, dal “Couscous clan” ad “Adotta una pecora”.