Europe

In spiaggia con l’asinello

Folegandros è piccola, per pochi (davvero) e riserva piaceri genuini: cucina semplice, pacata mondanità e mezzi di una volta

[slideshow id=19] Testo e foto di Giovanni Tagini

Lontana dal turismo di massa, Folegandros mantiene da sempre uno stile sobrio ed elegante: una natura incontaminata, intime spiagge raggiungibili solo in barca o a piedi, un mare cristallino e una piccola e deliziosa Chora fanno di Folegandros l’isola greca più charmant delle Cicladi.

Anche se da qualche anno a questa parte è diventata tra le più gettonate della Grecia, Folegandros non è cambiata; è rimasta un luogo fuori dal tempo e dal turismo di massa. Forse è merito della sua natura severa o delle modeste dimensioni (solo 30 chilometri quadrati e 700 residenti), o forse perché di alberghi ce ne sono pochi e quasi tutti molto lussuosi.

C’è un’unica carreggiata che attraversa l’isola da nord a sud. In scooter si arriva velocemente alle poche spiagge vicine alla strada; altrimenti ogni 20 minuti parte un piccolo bus dalla Chora e in poco più di 10 minuti porta al capo opposto dell’isola: a ogni fermata corrisponde la partenza di un sentiero che porta a calette solitarie, alcune vicine, altre invece per escursionisti allenati sulla distanza e sul saliscendi.

Se la pigrizia ha il sopravvento, allora si può optare per 2 alternative più slow: la prima, la più pratica, è raggiungere le spiagge più inaccessibili con piccole imbarcazioni (ogni 30 minuti dal porto); la seconda prevede di arrivarci via terra in groppa a un asino. A Folegandros ce ne sono veramente tanti, anzi, forse sono più numerosi di auto e moto! È il mezzo di trasporto preferito dagli isolani, che permette di andare ovunque in breve tempo; in estate, i contadini stazionano con 4 o 5 asini a ogni fermata del bus e con pochi euro si propongono per accompagnare i villeggianti fino al mare, evitando la scarpinata.

Di sera l’isola si trasforma. La Chora, con le casette bianche a strapiombo sul mare, è chiusa al traffico. Le piazze intorno alla chiesa, i piccoli negozi, le taverne con i tavolini apparecchiati sotto gli alberi si riempiono di una pacata mondanità che passeggia in attesa della cena (il menu è semplicissimo, e piace sempre a tutti).

Dormire
Anemi Hotel, lussuoso hotel di design contemporaneo ispirato all’architettura cicladica, piscina con acqua di mare. Molto tranquillo, ma distante dalla Chora (3 km). 44 camere, da  250 €.
Fata Morgana Studios, 14 piccoli appartamenti ben arredati si affacciano sulla piscina con vista panoramica. Il clou della giornata? Il tramonto a bordo piscina. Vicinissimo al centro della Chora; da 120 €.
Blue Sand, giovane, elegante di design, a picco sul mare, il più trendy della baia di Agali. Da non perdere gli aperitivi sulla terrazza vista baia. 25 camere da 100 €.

Mangiare
Mimis, tipica taverna greca, con cucina casalinga di qualità, pesce freschissimo, tanti antipasti e l’immancabile polpo alla brace. Situato sulla strada principale nei pressi Ano Meria, inconfondibili i polipi appesi ad asciugare. Da 25€  a persona.
Restaurant Folegandros, tipica ouzeria – l’ouzo è il distillato greco – nella piazza più grande della Chora, la più gettonata, perfetta per aperitivi accompagnati con stuzzichini, ottima per tradizionale, da assaggiare le focaccine fritte ripiene. Da 25 €
Taverna Papalagi, situata sulla famosa spiaggia di Agios Nikolaos, raggiungibile da Agali a piedi (sentiero che costeggia il mare, facile e veloce 15 minuti a piedi o 3 in barca), fa una cucina semplice ed economica, fresca e saporita. L’indirizzo ideale per chi trascorre l’intera giornata in spiaggia. Da 15 €.