FREQUENT FLYER

Manhattan transfer

Se siete a New York in agosto e trovate tutte le gallerie d’arte chiuse per ferie, andate a Provincetown, Massachussets

Se siete a New York in agosto e trovate tutte le gallerie d’arte chiuse per ferie, andate a Provincetown, MassachussetsTesto di Barbara Pietrasanta, foto di Antonio dalle Rive

Agosto, nella Big Apple, mi è sempre piaciuto. Amo il fermento che c’è nelle strade quando fa caldo e si scatenano i ragazzi con gli idranti per un po’ di refrigerio; amo la vita notturna che non si ferma mai nei localini del village e, per questo, sopporto stoica il caldo estivo, anche quando l’attesa nella subway sembra una seduta ai bagni turchi. Tutto è sempre vivo e nulla si ferma, 24 ore su 24. Ma con sorpresa, negli ultimi tempi, trovare qualche galleria d’arte contemporanea aperta per vedere le ultime tendenze è quasi impossibile: tutto chiuso per ferie. Chelsea, il quartiere delle gallerie d’avanguardia con gli artisti di punta, è deserto e desolato.

Anche qui, nella Grande Mela, l’arte va in vacanza. Dove? Nelle località turistiche più frequentate degli States, of course! Una di queste è Provincetown, magnifica cittadina del Massachutes, nella penisola di Cape Cod che si affaccia nell’Oceano Atlantico.

Se si affitta un’auto a New York City – su Internet si trovano pacchetti settimanali molto economici – e si imbocca la Interstate 95 che attraversa il Connecticut, in poche ore si raggiunge questa animatissima località, famosa per la sua predisposizione gay friendly, open minded and art oriented: qui sono numerosissime le gallerie, con artisti contemporanei dai nomi importanti.

Certo, non si trovano mostre spettacolari, ma ci si fa un’idea delle tendenze del momento e il “pieno” di arte mentre si passeggia in una piacevole dimensione vacanziera lungo la variopinta Commercial Street. E non si tema di cadere nella trappola di un artificioso richiamo per turisti. L’arte a Provincetown non è arrivata ieri; è cosa storica, portata da pittori, scultori, scrittori che si sono trasferiti qui e hanno aperto i loro atelier, affascinati dalla tipica atmosfera ispiratrice dei luoghi di mare del nord America con spiagge selvagge, cottage di legno dipinto, e una vitalità che la sera cammina per le vie del borgo, tra piacevoli animazioni e piccoli ristoranti che servono il piatto forte del posto: aragosta affogata nel burro fuso. Insomma, una bella fuga dalla metropoli, nel nome dell’estate e dell’arte!