REPORTAGE

Le Maldive che non ti aspetti

È l’unico posto dove una settimana su uno yacht costa meno di un villaggio. E poi, dove finisce la spiaggia, cominciano gli sport

[slideshow id=10]

Foto di Francesca Romano, testo di Enrico Maria Corno

Le Maldive sono oltre mille chilometri di Oceano Indiano su cui Madre Natura ha distribuito decine e decine di isolette coralline come se fossero tanti anelli di oro bianco allungati su un velluto turchese. Le Maldive sono al primo posto nella classifica dei sogni di chi ci è già stato e di chi le deve ancora vedere. Sono tra i panorami più fotografati di sempre: nell’immaginario collettivo, una settimana di vacanza qui significa cocktail esotico con l’ombrellino nella piscina del villaggio e un ombrellone sulla spiaggia bianca sotto le palme, con i piedi a mollo nel mare trasparente dove di tanto in tanto ci si butta tra coralli e pesci colorati unici al mondo.

Nonostante queste siano isolette piccolissime e per lo più disabitate – niente paesi, niente alberghi, niente guest house – il villaggio non è l’unica alternativa: pochi infatti sanno che passare una settimana su uno yacht di lusso costa meno che in un resort a quattro o cinque stelle.

«Lo yacht è preferibile non solo per una questione di portafoglio», dice Dodi Telli, proprietaria di Albatros Top Boat, il principale tour operator del settore con sede alle Maldive. Possiede una serie di yacht e numerose altre barche che attraversano gli atolli: «Lo yacht infatti si muove quotidianamente e permette così agli ospiti di godere tutti i giorni di paesaggi differenti, di scendere su isole diverse e di fare immersioni su reef sconosciuti, cosa impossibile in un resort. Albatros Top Boat può contare su yacht a motore di lusso di costruzione maldiviana come il Duke of York, il Conte Max, il nuovo Siren, oltre a yacht a vela e alcuni recentissimi dhoni, piccole barche locali uguali a quelle con cui i Fenici arrivarono qui oltre 2000 anni fa, estremamente suggestivi. In barca cabine e spazi comuni sono eleganti, e i servizi – dalla cucina italo-maldiviana al piccolo centro benessere – sono di prim’ordine».

E la giornata in barca passa all’insegna del relax sotto il sole o in veranda e soprattutto facendo attività: «Sub, snorkeling, surf, kitesurf, canoa, pesca d’altura: volendo, si può cambiare sport ogni giorno. Va da sé che le immersioni siano la scelta più classica: in ogni barca vengono proposti diversi istruttori certificati. Per gli absolute beginner ci sono lezioni di teoria sul ponte, test a basse profondità per prendere confidenza con l’attrezzatura e immersioni fino a 18metri per conseguire il brevetto internazionale PADI. Per chi invece già lo possiede, sono programmate uscite di ogni livello sui fondali più belli del mondo, per vedere da vicino squali, squali balena, mante, barracuda e pesci luna.

Istruttori accreditati che conoscono gli angoli più segreti e suggestivi di tutte le Maldive accompagnano gli appassionati di snorkeling che vogliono godere delle bellezze del mare di superficie. Surf e kite – da queste parti si svolgono anche numerose competizioni internazionali – possono essere praticati esclusivamente in alcuni reef dove correnti e vento sono particolari mentre la sera il capitano dello yacht accompagna volentieri con il dhoni d’appoggio gli appassionati che vogliono provare l’ebbrezza della pesca d’altura, con canna e mulinello speciali per le grosse prede o semplicemente a bolentino. Prima partenza estiva, 24 luglio: da 1.650  € a persona incluso volo a/r,pensione completa, trasferimenti, sport, immersioni (il corso di immersioni non è incluso: 320 dollari. con attrezzatura e prova bombole gratuita per chi è alla prima volta).

Albatros Top Boat | tel. 0323505220 | info@albatrostopboat.com