Europe

Podgorica, la nuova capitale europea

The Living Room, CentreVille Hotel
The Living Room, CentreVille Hotel

Podgorica non è tra le capitali più conosciute d’Europa, anzi, ma è il posto perfetto per chi è stanco delle solite mete e desidera scoprire nuove destinazioni, lontano dalle folle. La capitale del Montenegro, infatti, a differenza delle località situate lungo la costa del paese, è una delle mete meno turistiche dei Balcani e offre attrazioni senza masse di turisti, oltre alla possibilità di fare interessanti gite fuori porta. L’antico quartiere Stara Varoš con la Torre dell’orologio, moschee e abitazioni risalenti all’epoca ottomana, convive con l’anima moderna della città dove, accanto a palazzoni dell’era jugoslava, sono stati costruiti nuovi e futuristici edifici in vetro.

CentreVille Hotel parte del The Capital Plaza, nuovo polo commerciale e sociale di Podgorica
CentreVille Hotel parte del The Capital Plaza, nuovo polo commerciale e sociale di Podgorica

Tra tutti, il The Capital Plaza, il nuovo polo commerciale, sociale e gastronomico della città, simbolo della nuova Podgorica, al cui interno si trovano ristoranti, bar, centro fitness & spa, mercato biologico, Hard Rock Café e il CentreVille Hotel & ExperiencesL’albergo, ospitato in un bellissimo edificio avveniristico in vetro, è caratterizzato da uno stile minimalista, chic ed elegante, con elementi urbani di design e toni soft che variano dal bianco al grigio al verde. CentreVille è il posto ideale dove pernottare mentre si è in città, non solo per le splendide e lussuose sistemazioni di cui è dotato, ma anche grazie alla sua strategica posizione vicino al centro città, all’aeroporto e alle principali attrazioni collocate in prossimità della capitale. L’hotel è, inoltre, location di uno dei migliori ristoranti del Montenegro, The Parlour, e del lounge bar più esclusivo della capitale, The Living Room.

La Signature Superior Room del CentreVille Hotel
La Signature Superior Room del CentreVille Hotel

L’altro simbolo della Podgorica moderna è il Millennium Bridge, uno spettacolare ponte costruito nel 2005 e progettato dall’azienda slovena Ponting e dall’ingegnere Mladen Ulićević che, per la sua architettura, ricorda le opere del più noto architetto spagnolo Santiago Calatrava. Un consiglio: non limitatevi a percorrerlo, ma recatevi, meglio se all’ora del tramonto, sul vicino Moscow Bridge per ammirarlo in tutta la sua maestosità. A proposito di imponenza: non mancate di visitare la Cattedrale della Resurrezione, una delle chiese più grandi dell’intera regione balcanica, consacrata solo sei anni fa (se preferite opere più semplici, però, recatevi alla chiesa di San Giorgio, la più vecchia di Podgorica, ai piedi di una collina, circondata dal verde). La maestosità dell’edificio non si limita all’esterno, ma anche l’interno che con i giganteschi mosaici, le rifiniture in oro e le massicce colonne, fa sentire il visitatore piccolo.

Millennium Bridge
Millennium Bridge

Da Podgorica vale la pena di organizzare qualche visita nei dintorni. A circa un’ora di auto, si trova il Monastero di Ostrog, uno splendido edificio incastonato nella roccia sopra la valle del fiume Zeta, che costituisce il più importante luogo di culto del Montenegro e richiama orde di pellegrini da tutto il paese e non solo. Chi ai luoghi di culto preferisce la natura, deve recarsi al Lago di Scutari, che il Montenegro divide con la confinante Albania, dove tour operator locali organizzano numerose attività sportive all’aria aperta. Infine, per rilassarsi, è possibile prenotare un tour di degustazione nelle Cantine Plantaže, alle porte di Podgorica, e assaporare l’ottimo vino prodotto dalle rinomate uve locali. Sapete che questo è il vigneto più grande d’Europa? Non c’è modo migliore di terminare il viaggio in questo paese pieno di sorprese che con un bicchiere di vino pregiato in mano.

Per info: Montenegro Wild Beauty