DESTINATIONS

San Nicola al castello

Nel Castello Svevo di Bari apre  ‘MUNBAM – Mostra di San Nicola dei bambini e delle bambine’, una mostra permanente dedicata a San Nicola. La storia del Santo è raccontata con materiali provenienti da collezioni internazionali: libri, dischi, immagini, documenti, cartoline, oggetti d’arte, di artigianato e d’uso quotidiano, curiosità, dolci, bevande e giocattoli.

MUNBAM è un progetto ideato dalla Fondazione Myrabilia di Bari, organizzazione no profit impegnata nella promozione della conoscenza della figura di San Nicola legata al mondo dell’infanzia e all’identità di Bari.

Bari (capital city of Apulia), Swabian Castle (Castello Svevo), sud side. Apulia, southern Italy.

Il cuore della città, Bari vecchia, è ricco di monumenti e architetture legate al vescovo di Myra. L’essenza del rapporto tra i baresi e il loro Santo patrono si coglie in particolar modo durante le due feste dedicate al Santo: quella che ne ricorda la morte terrena, il 6 dicembre, e quella popolare il 7, 8 e 9 maggio.
Il centro storico si anima a dicembre ancora prima che sorga il sole il 6 dicembre, quando i rintocchi delle campane richiamano i fedeli per le cerimonie eucaristiche, che si ripeteranno per tutta la giornata; un’antica tradizione popolare è stata ripetuta per centinaia di anni da tante ragazze che, sin dall’alba, giravano intorno alla Colonna Miracolosa presente nella cripta della Basilica per chiedere al Santo un aiuto nel trovare marito. La tradizione è cessata nel 2007, da quando si è deciso di salvaguardare la colonna con una protezione di ferro; da allora le donne speranzose infilano nelle fessure dello storico pilastro dei bigliettini con i loro desideri amorosi nella speranza che il Santo patrono li legga.
Le vie del borgo si riempiono dei profumi della cioccolata calda consumata per riscaldarsi dal freddo, dei dolci natalizi e dei prodotti tipici cucinati sul ciglio della strada. Il 6 dicembre è anche la giornata della fiaccolata dedicata al Santo e della premiazione dei cittadini distintisi durante l’anno col ‘Nicolino d’oro’, consegnato nelle sale del Palazzo di città. Per tutta la comunità questa data rappresenta l’avvio delle festività natalizie.

Munbam_PLAYMOBIL

Le tre giornate di maggio sono un alternarsi di appuntamenti religiosi e folcloristici: la processione del quadro del Santo in viaggio anche per mare a bordo di una caravella, il grande e animato corteo storico che ripercorre le vicende che hanno portato le spoglie del Santo in città, la rievocazione dell’arrivo del Santo al molo a lui dedicato, il trasporto delle sue ossa lungo le vie del centro storico addobbate a festa, l’arrivo nella Basilica di San Nicola.
La presenza del Santo è radicata per tutto l’anno nella città di Bari, in particolare tra le strette vie del borgo antico, piene di botteghe e della biancheria stesa dalle massaie oltre che, durante i molti mesi di clima mite, di tante donne intente a realizzare a mano orecchiette e strascinate, i due formati di pasta tipici della città. Un itinerario alla ricerca dei luoghi di San Nicola – Babbo Natale è un ottimo modo per scoprire le bellezze architettoniche e artistiche della città.

Video sulla mostra qui.