EVENTS

Il Barbiere di Siviglia sulle Alpi

© Stopdown Studio - www.facebook.com/Stopdown.it - www.stopdown.it
© Stopdown Studio – www.facebook.com/Stopdown.it – www.stopdown.it

Che ci fa Rossini a 2173 metri? Bella domanda. Comunque sia, è stata felicissima la scelta di celebrare il 150° anniversario della morte del compositore marchigiano in cima al Monte Bianco, nella stazione intermedia dello Skyway, al confine tra Italia e Francia. Regge ma solo fino a un certo punto la scusa che Rossini viveva tra i due Paesi, e che di entrambi amava la cultura, la cucina e il bon vivre. Fatto è che la monumentale location tutta tiranti d’acciaio e pareti di vetro aggrappata al massiccio più alto d’Europa ha offerto un palcoscenico strepitoso per celebrare il glorioso Rossini. Negli spazi di Skyway è stato riproposto il ‘Salon du samedi soir’, un  elegante party nello stile delle feste che Rossini dava nella sua villa di Parigi, iniziato con l’overture del Barbiere di Siviglia e finito in pista da ballo al ritmo techno di Bob Sinclair e Raffaella Carrà.

La cabina dello Skyway Monte BIanco in salita
La cabina dello Skyway Monte BIanco in salita

Durante la serata sono state eseguite alcune arie, e alcuni figuranti nei panni (d’epoca) di Gioacchino e dei suoi imparruccati camerieri si confondevano tra signore in lungo e signori in smoking. Rossini era appunto un noto mondano, buongustaio e abile cuoco, che ha inventato piatti classici come il filetto a lui intitolato con una bella bistecca di foie gras sopra. Il menu della serata è stato invece interpretato da quattro super chef: Moreno Cedroni, altro fuoriclasse marchigiano, il 3 stelle Bobo Cerea, il franco vietnamita Robert Vifian e il valdostano Agostino Buillas, ciascuno con un piatto in omaggio al territorio, all’autunno o ai luoghi del musicista. Il buffet dei dolci era invece un trionfo di cioccolato firmato Venchi con praline no limit e altri bon bon. La regia della bella serata era del Comune di Pesaro, città natale del compositore e sede del Rossini Opera Festival, che con l’occasione ha annunciato il calendario della 40a edizione dall’8 al 20 agosto 2019.

Al Pavillon du Mont Fréty, trasformato in salone per le feste a 2173 metri appunto, gli ospiti sono arrivati con la funivia Skyway, le cui cabine sono trasparenti e ruotano per tutto il tragitto consentendo di ammirare l’incanto delle Alpi a tutto tondo.