GOURMET

10: è il voto Michelin all’Italia

Le new entry della Guida Michelin 2019
Le new entry della Guida Michelin 2019

La nuova Guida Michelin Italia festeggia i ristoranti tre stelle con un voto pieno: 10.
Il numero di ristoranti italiani con tre stelle Michelin passa aa 10 con l’ingresso di Uliassi, a Senigallia (AN).

“Una storia, una passione, il mare. Da questo nasce una cucina che i fratelli Catia, in sala, e Mauro, lo chef, amano definire semplice e contemporanea. Vi convivono tecnica e tecnologia e una tradizione in continuo movimento, che si nutre dei loro viaggi e di tutto quello che li circonda. Il fascino di un mare sferzato dal vento si rispecchia nei piatti, di cui il pesce è l’ingrediente principe,ma co-protagonista a pieno titolo della loro sorprendente scena culinaria è la selvaggina. In un “posto pieno di energia, che è bello sempre”, un’esperienza memorabile, una cucina unica,che merita il viaggio, come richiedono le tre stelle Michelin.” Così lo racconta Sergio Lovrinovich, Direttore Guida Michelin Italia

Gli altri 9 “Tre stelle”: Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ),Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ).

Nessun seconda stella, quest’anno, mentre le new entry con una stella sono 29. La regione più ricca di novità (5) è il Piemonte, dove Antonino Cannavacciuolo si concede il bis di stelle a Torino, al Cannavacciuolo Bistrot Torino, con lo chef Nicola Somma, e a Novara, al Cannavacciuolo Cafè & Bistrot, con Vincenzo Manicone, mentre Enrico Bartolini aggiunge alla sua collezione una nuova stella, attribuita alla Locanda del Sant’Uffizio Enrico Bartolini, aCioccaro di Penango (AT), con lo chef Gabriele Boffa.

Molte le novità al sud, in particolare il ritorno della stella in Basilicata, a Matera, al ristoranteVitantonio Lombardo, e una nuova stella in Calabria al ristorante Quafiz, dello chef “Nino” Rossi, a Santa Cristina d’Aspromonte (RC).

Nelle isole ritroviamo volti noti: in Sicilia, il tristellato Heinz Beck a Taormina (ME) conquista una stella al St. George by Heinz Beck, guidato dallo chef Giovanni Solofra, mentre in Sardegna, a Porto Cervo (SS), Italo Bassi riconquista la stella al ristorante ConFusion Lounge.

Il panorama stellato della Guida Michelin 2019:

*  318 ristoranti (29 novità)
**  39 ristoranti
*** 10 ristoranti (1 novità)
Per un totale di 367 ristoranti stellati.

La Lombardia è la regione più stellata, con 2 novità: 60 ristoranti. Il Piemonte, con 5 novità, riconquista la seconda posizione, con 45 ristoranti, mentre laCampania, con due novità, si colloca al terzo posto del podio, con 43 ristoranti. A seguire il Veneto, con 39, di cui due novità, e la Toscana, con 3 novità, per un totale di 36 ristoranti.

Tra le 30 novità stellate, è significativo il dato relativo ai giovani chef: 15 ristoranti sono guidati da giovani talenti che hanno un’età uguale o inferiore a 35 anni. Tra questi, 10 hanno meno di 30 anni.