EVENTS

Giro d’Italia solidale

Simone Broggi, papà comasco e ciclista amatoriale ha organizzato un’impresa ciclistica a sostegno dei progetti di ricerca dell’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma.

È partito da Villaricca (Napoli) il 28 giugno e si concluderà l’8 luglio all’Ospedale Giannina Gaslini di Genova il giro d’Italia in bicicletta di Simone Broggi, il papà comasco che ha deciso di mettersi alla prova per una buona causa: sostenere la ricerca scientifica sul Neuroblastoma e i Tumori Cerebrali. #iopedalotudattidafare è l’hashtag che contraddistingue la sua pedalata da Sud a Nord Italia lungo la costa adriatica per raccogliere fondi e sensibilizzare l’opinione pubblica su questo grave tumore infantile, di cui si ammalano ogni anno 150 bambini in Italia e che si attesta come la seconda causa di morte per malattia dopo le leucemie in età prescolare.

SimoneBroggi_iopedalotudattidafare-1024x576

Broggi non è nuovo a questo genere di imprese. Lo scorso anno si è già cimentato in due lunghe “pedalate”: a maggio da Como a Napoli, ispirandosi alla lettura del libro “Sognando l’infinito” di Paola Gianotti (973 km in 4 giorni e mezzo); a ottobre da Como a Valencia, 1.570 chilometri in 7 giorni già per sostenere la causa dell’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma ONLUS. L’impresa di quest’anno ha una particolarità, oltre alla lunghezza e alla durata, Simone l’ha intrapresa da solo, senza camper di supporto, organizzando i rifornimenti nelle tappe lungo la strada. Un viaggio in solitaria, con tanta voglia però di incontrare altri ciclisti e altri amici che lo accompagnino per tratti lunghi o brevi in questa sua impresa di solidarietà. Chi volesse pedalare con Simone, può affiancarlo lungo il suo itinerario consultabile sulla pagina Facebook iopedalotudattidafare.

Broggi è partito da Villaricca il 28 giugno e passando da Potenza, Massafra, Bari, Termoli, Civitanova, Rimini, Ponte della Priula, Schio, Como, Pont Saint Martin arriverà a Genova l’8 luglio. Lungo il percorso i sostenitori e i volontari dell’Associazione, oltre a dare, dove possibile ospitalità a Broggi, organizzeranno alcuni eventi di solidarietà a sostegno dell’impresa. «Lo scopo della mia pedalata – spiega Simone Broggi – è quello di aiutare l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma, sostenendo la ricerca scientifica tramite donazioni spontanee, muovendo il cuore delle persone. Le donazioni saranno pura motivazione intrinseca: la vera benzina che mi farà muovere le gambe».

Tutti possono contribuire alla raccolta #iopedalotudattidafare, collegandosi sul sito dell’associazione, selezionando “Io pedalo tu datti da fare”  o sul portale Rete del Dono .

L’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma ONLUS è un ente senza scopo di lucro nato nel 1993 presso l’Istituto “G.Gaslini” di Genova per volontà di ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­genitori e oncologi, con l’obiettivo di sostenere la ricerca scientifica sul Neuroblastoma e, in seguito, sui Tumori Solidi Pediatrici. Oggi conta circa 120.00 sostenitori ed è attiva su tutto il territorio nazionale. Nei 25 anni di ­­­­­­­­­­­­­­­­attività ha destinato oltre 20 milioni di Euro alla ricerca scientifica.