Europe

La community dell’hotellerie

Con 50 indirizzi in Italia nella guida 2018 di les Collectionneurs – la nuova identità del brand francese Châteaux & Hôtels Collection presieduto da Alain Ducasse – si dà nuovo impulso alla crescita e allo sviluppo del marchio in Italia, secondo lo spirito che contraddistingue questa community di condivisione e reciproco scambio fra albergatori, ristoratori e viaggiatori, uniti dalla stessa visione del viaggio e dai medesimi valori.

54--22

Come ha infatti sottolineato Xavier Alberti, Direttore Generale, durante la recente convention tenutasi a Rapallo presso il Grand Hotel Bristol Resort & Spa “nel 2017 abbiamo avviato un’importante azione di sviluppo in Italia grazie alla quale abbiamo raddoppiato il numero nostri affiliati italiani, con una presenza che si estende da nord a sud. Oggi siamo lieti di dare il benvenuto a 29 nuove strutture ricettive, tra cui ben 9 ristoranti, a conferma della nostra volontà di porre sempre più attenzione anche alla ristorazione, come già avviene in Francia da vari anni.”

Di questa importante crescita sul territorio nazionale che il brand ha deciso di puntare sullo sviluppo di servizi dedicati agli affiliati italiani. A tal fine, sarà ampliato il team operativo in Italia e potenziata l’attività di comunicazione on e off line.

Inoltre, sarà impostata una centrale acquisti, una rete di fornitori italiana, a completamento di quella francese, per rispondere alle esigenze degli associati italiani che potranno così avvalersi di selezionate aziende-partner rappresentanti le eccellenze del settore e usufruire di vantaggi commerciali.

cellai_(52)

Ai servizi già ben rodati, come l’interattivo sito web lescollectionneurs.com anche per le prenotazioni online, i cofanetti regalo e la carta fedeltà, saranno a breve avviati molti nuovi progetti da sviluppare su scala nazionale, forti dell’esperienza ben consolidata in Francia.

Sarà inoltre estesa anche al mercato italiano la prima partnership mondiale dell’ospitalità tra AirBnB e les Collectionneurs, già attiva in Francia da oltre un anno, e che consentirà anche ai membri nazionali di essere presenti con la loro offerta di camere sul portale Airbnb.
Infine, nel corso della convention è emersa la volontà di incrementare programmi di formazione dedicati allo staff e di favorire programmi di scambi per il personale fra i membri italiani per permettere di conoscere le varie realtà, alberghiere e ristorative, e di perfezionare i servizi offerti.