DESTINATIONS

Con i piccoli a Livorno

1

Esclusa dai classici itinerari turistici, Livorno, a soli 25 km da Pisa, è una città capace di sorprendere il visitatore grazie al suo mix di architetture e alla sua autenticità. Un luogo dove per i più piccoli il divertimento è assicurato.

Terrazza Mascagni, © Sergio Barbieri/Flickr
Terrazza Mascagni, © Sergio Barbieri/Flickr

La Terrazza Mascagni è una cartolina. Una geometria di forme e colori da cui si aprono viste sul Tirreno. Di fronte c’è l’isola di Gorgona, ex colonia penale, a completare il quadro. Non è un caso se, qualche anno fa, questo belvedere sul lungomare livornese fu scelto come location per girare una campagna promozionale della Toscana. Non che la regione ne avesse bisogno: i turisti, di certo, qui non mancano. Diversamente, però, da altre città toscane, Livorno non è stata toccata dal turismo di massa e conserva un’atmosfera tutta particolare e un fascino autentico. E, se anche è vero che qui non ci sono né Uffizi né torri pendenti, la città è uno scrigno di quartieri antichi ed edifici storici che meritano di essere scoperti. Con calma, senza turisti, in un weekend d’autunno.

Florence
Florence

Simbolo della Livorno medicea, la Fortezza Vecchia (come appare oggi) fu costruita nel XVI secolo su volere della potente famiglia fiorentina che, nello stesso periodo, avviò una radicale trasformazione della città. Il progetto fu affidato a uno dei più noti architetti militari dell’epoca, Antonio da Sangallo il Vecchio. Nell’imponente struttura di mattoni rossi spiccano i tre bastioni da cui è costituita: la Capitana, rivolta a nord-est, la Canaviglia, verso il porto, e l’Ampolletta, verso la città. Per approfittare delle ultime giornate di sole andate nella parte alta del fortilizio che oggi è occupata da un parco pubblico in cui giocano i bambini. Sotto, invece, tra le spesse mura, si insinua un camminamento sotterraneo con saloni con volte a crociera, terrapieni e vestigia di strutture sacrificate per far posto all’attuale forte. Per prenotare le visite occorre contattare l’Autorità Portuale di Livorno (potenti@porto.livorno.it – 0586/249568).

Di fronte alla Fortezza Vecchia si snoda la Venezia Nuova. Si tratta del quartiere più caratteristico di Livorno, non solo perché qui si trovano numerose chiese e palazzi antichi che non sono stati distrutti durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale, ma anche perché è attraversato da canali e ponti che ricordano la città della Laguna. È qui che, tutte le estati, tra luglio e agosto si tiene Effetto Venezia, una manifestazione nata nel 1986 con l’intento di promuovere e valorizzare il quartiere.

5 (1)

Non sarà famoso come quello di Genova, ma anche Livorno possiede un acquario che vale la pena visitare. Situato sulla Terrazza Mascagni è l’ultima, e per i più piccoli sicuramente la più divertente, tappa di questo viaggio. L’acquario è piccolo ma alcune vasche sono ricche di colorati pesci, meduse, squali zebra e pinna nera che incantano grandi e piccini. L’ultima novità è il tunnel delle aquile di mare, ma le vere protagoniste dell’acquario sono senza dubbio le due incantevoli tartarughe. Livorno è una sorpresa, un piacere per grandi e piccini. Chi l’ha detto che solo le città famose hanno tanto da offrire ai visitatori? Spesso, le mete alternative regalano qualcosa che non si trova facilmente altrove: il fascino della scoperta. E Livorno in questo di certo non delude.

Dormire
Hotel Gennarino: situato in un’elegante villa in stile liberty, l’hotel è collocato vicino all’Accademia Navale di Livorno; doppia b&b da €80

Max Hotel Livorno: un elegante 4 stelle a pochi passi dalla stazione ferroviaria e dal centro storico della città; doppia b&b da €80.

Info:
Acquario di Livorno
www.acquariodilivorno.it.