INTERVIEWS

Grignolino Slow

Domenica 18 maggio si rinnova il tour sulle colline del Monferrato casalese inseguendo il percorso tematico

Di Teresa Cremona

Domenica 18 maggio le aziende vitivinicole del Monferrato Casalese sono ancora al centro della manifestazione SLOW FOOD “DI GRIGNOLINO IN GRIGNOLINO”, evento giunto alla decima edizione.
Venticinque aziende pronte ad accogliere i visitatori dalle 10 alle 19: due distillerie e ventitre produttori di vino; 16 i comuni coinvolti dal passaggio dei “grignolinisti”; una vera festa del e per il territorio.

Come nelle passate edizioni: ritrovo domenica mattina dalle 10 alle 12 nel Castello di Casale Monferrato, iscrizione, per chi non ha ancora provveduto, ritiro della sacca con bicchiere e cartina geogragica e dopo un caffè, una degustazione dei tipicissimi Krumiri di Casale e l’assaggio di Timorasso (un’anteprima dell’appuntamento successivo al Grignolino, fissato l’8 giugno a Tortona in onore del bianco dei Colli Tortonesi: la rassegna Slow che porta gli appassionati nei territori dei vini tipici di Piemonte e Valle d’Aosta); e poi partenza per l’escursione enoica più vivace del Monferrato. Il banco delle iscrizioni e delle coccole ai partenti rimane al Castello sino a mezzogiorno. Sedici i comuni coinvolti dal passaggio: Altavilla, Sala, Vignale, Ozzano, Lu, Olivola, Rosignano, Cellamonte, Serralunga, Cuccaro, Camino, San Giorgio, Gabiano, Alfiano Natta, Casale, Castelletto Merli. Ragnatela di località per conoscere a fondo il Monferrato.

Accoglienza calorosa ma anche gustosa, infatti i vignaioli e le loro famiglie oltre ad affermare le loro abilità di contadini e cantinieri, si affermano anche come cuochi. Elenco di piatti, come un “Monferrato a la carte” per saziare i visitatori nei ventisette luoghi del Grignolino, scatenando già l’acquolina alla sola lettura: agnolotti, risotti al grignolino, fritture di pesce, farinata, lingua in salsa verde, panissa, formaggi capra regina, formaggio di Montebore, robiola di Roccaverano, acciughe e bagnetto, torte salate, insalata di fagianella, trippa, pasta e fagioli, piatti per vegetariani e vegani, friciulin dolci, crostate.

Come ogni anno il tour è a numero chiuso, 400 partecipanti, che potranno iscriversi in anticipo oppure sino ad esaurimento posti alla partenza lo stesso 18 maggio. Il costo di partecipazione è di 20 € per i soci Slow e 30 € per in non soci i quali a fronte del maggior costo riceveranno anche la tessera Slow valida per 12 mesi. Infine per chi desidera trascorrere l’intero fine settimana nel casalese troverà punti di appoggio tra i locali recensiti dalla guida Osterie d’Italia e B&B e agriturismi consigliati. Tutte le informazioni per partecipare all’evento è scaricabile dal sito www.monferratoslow.com.

Per informazioni e prenotazioni:
tel. 3356365593, 3355348611
info@cantinenordovest.com.