HOTEL COLLECTION BY TERESA CREMONA

Zash, Riposto di Catania (Sicilia)

Foto di Alfio Garozzo

Ci sono luoghi che restano nel cuore e fanno belli i nostri ricordi. Oggi parleremo di Zash, piccolo boutique hotel a Riposto di Catania, immerso in un aranceto di 13 ettari, alle pendici dell’Etna, a 1 km dal mare.

Dalla statale, varcato il cancello della proprietà, si percorre una strada lunga e dritta, immersa in un panorama da Giardino delle Esperidi, una foresta di alberi di aranci dalle foglie carnose e lucide, di un verde intenso sulle quali come decorazioni spiccano aranci e mandarini a profusione, mentre all’orizzonte è l’Etna, bianco di neve, nero di lava, e che di notte fa i fuochi d’artificio.

La casa è un antico baglio di un tenero colore rosa spento, all’interno conserva intatti i volumi ed i suggestivi impianti di un antico palmento: travi imponenti, volte possenti, scale e dislivelli, mura ruvide e prive di intonaco e con pietra a vista, e nelle profonde vasche dove un tempo si raccoglieva il vino, ora trovano posto trasparenti tavoli per la prima colazione o per la cena.
Gli ambienti sono così fortemente caratterizzati che il restauro opera dell’architetto siciliano Antonio Iraci, apparentemente ha solo consolidato e mantenuto; un intervento sapiente che ha lasciato intatto la struttura, completata con pochi oggetti di design, lineari, bianchi che fanno risaltare ancora di più l’architettura originale.

Zash si compone di 9 camere: 3 occupano gli spazi della vecchia cantina in un gioco fra bianco e pietra grezza, fra funzionalità rarefatta e materia, fra volumi candidi, pavimenti in resina bianca a contrasto con le murature preesistenti realizzate con la pietra lavica faccia vista che, restaurata e illuminata, ricorda all’ospite la storia dei luoghi, ma da una prospettiva contemporanea.
Altre 2 camere sono, immerse fra gli aranci, in una costruzione nuova e moderna e appartata come un rifugio che affaccia su un giardino segreto. Qui vetrate da pavimento a soffitto annullano i confini fra dentro e fuori e danno la sensazione di dormire immersi nel verde della campagna e la decorazione alterna le sfumature di grigo fra tende, tessuti e la pietra che riveste sia i bagno come anche la testata del letto.

Infine le 4 camere al piano superiore del Baglio che sono di un bianco assoluto e perfetto, le doghe in legno di rovere per i pavimenti, e le grandi lastre di pietra lavica per i rivestimenti, e alcuni elementi di design contemporaneo, sono le uniche addizioni a questi spazi ricchi di storia. E dal terrazzo, che sia notte o che sia giorno, il panoroma è di quelli che non si dimenticano.
Una parola ancora sulla magnifica piscina dove come in una scenografia c’è l’Etna sullo sfondo, la casa rosa e antica, la natura e l’acqua che assume il colore del cielo soprastante, e i fuochi che si accendono nelle notti estive.
Un luogo unico d’inverno, che diventa magico di profumi all’epoca delle zagare in fiore.

Zash e una proprietà della famiglia Maugeri di Riposto, mentre la comunicazione e il marketing sono affidati a Federica Eccel.

Zash
Strada Provinciale 2/I-II 60,  Archi – Riposto (Catania)
www.zash.it.