HOTEL, SPA & CO

Hotel Sharing

Un esperimento di housing sociale e un nuovo modello di abitabilità, il residance Sharing è a Torino

Di Teresa Cremona

Nell’ autunno 2011 è stato inaugurato a Torino il primo residence/albergo di housing sociale residenziale: lo Sharing Hotel, progetto sorto grazie alla società Sharing s.r.l., che sviluppa e gestisce appunto progetti di alloggiamento sociale residenziale temporaneo, in collaborazione con due partner finanziari: Oltre Venture e la Cooperativa sociale D.O.C. s.c.s.

L’hotel residence Sharing Torino nasce per rispondere alle esigenze di affitti temporanei in città a costi calmierati (ovvero controllati). Si tratta di una iniziativa innovativa e all’avanguardia in Italia. Il progetto è caratterizzato, inoltre, da obiettivi di efficienza energetica e basso impatto ambientale.

La struttura di Via Ribordone 12 (ex palazzone delle Poste di 10.000 metri quadrati) offre 58 camere ad uso hotel 3 stelle e 122 appartamenti completamente arredati, provvisti di cucina ad induzione.

Un monolocale arredato allo Sharing costa €190 al mese; per un appartamento più grande si può spendere fino ad un massimo di 459 €. Si capisce perché la struttura sia sempre piena, con una lista d’attesa molto lunga. Lo Sharing ospita gli studenti Erasmus, le giovani coppie alla loro prima convivenza, le famiglie sfrattate (per le quali, tra l’altro, la struttura riserva 25 appartamenti in accordo con il Comune di Torino), i lavoratori che sono stati trasferiti in città da altri luoghi. Ci si può alloggiare per un giorno o per un anno, limite massimo di permanenza, prorogabile per esigenze particolari. La selezione degli ospiti della residenza è operata dall’azienda promotrice dell’iniziativa ed è effettuata secondo l’ordine di arrivo delle domande, con una logica molto lontana dalle scelte poco regolari spesso alla base della nostra edilizia residenziale pubblica.

Accoglienza, condivisione di idee e di spazi, incontro di culture diversissime, sostenibilità ambientale rappresentano lo spirito della struttura, che si completa con – il Poliambulatorio (promosso da Oltre Venture)

– con servizi dentistici e di psicoterapia
– Tojob,
uno sportello di orientamento al lavoro promosso dalla Cooperativa sociale D.O.C.
– un centro di mediazione culturale
– alcuni esercizi commerciali (ristorante, sala bar, lavanderia automatica, bio market)
– sale comuni per attività di formazione, scambio e relax quali l’Internet point
– una sala riunioni ed una sala relax con divani e tv
– attività di doposcuola per tre giorni alla settimana.

Negli ultimi mesi si è aggiunto anche il Caffè Letterario: l’idea di uno spazio dedicato allo scambio e alla consultazione di libri all’ interno delle aree comuni nasce da un percorso di progettazione condiviso con gli inquilini della struttura che è diventato realtà grazie alla collaborazione con le biblioteche civiche torinesi. Il Caffè Letterario di Sharing è un punto di prestito e di consultazione aperto al pubblico, con oltre 300 pubblicazioni in diverse lingue, un corso di italiano per studenti stranieri e iniziative culturali di vario genere.

La gestione sostenibile delle risorse si traduce concretamente, nella residenza, attraverso l’utilizzo di un impianto fotovoltaico, un impianto solare termico, un sistema di recupero dell’acqua piovana per l’irrigazione del giardino e dello spazio bimbi, l’utilizzo di pittura fotocatalitica per gli intonaci esterni con lo scopo di contribuire al miglioramento della qualità dell’aria intorno all’edificio, la presenza di caldaie a condensazione a basso consumo, la pratica della raccolta differenziata, ecc.

Insomma, un modo alternativo di vivere, di convivere, per arginare non solo le difficoltà economiche di questo momento di crisi, ma anche quelle che derivano dalla solitudine che la tecnologia molto spesso, oggi, ci impone.

Hotel Sharing
via Ribordone 12, Torino
www.sharing.to.it