DESTINATIONS

Lanzarote adesso

Testo e foto Gianmario Marras

Inverno al caldo e senza spendere una fortuna, zero gradi contro 25, bagni fra le onde dell’Atlantico, tintarella su sabbie dorate e scogli di lava. Dove? A Lanzarote, nell’arcipelago delle isole Canarie, circondati da una bellezza che sembra di un altro pianeta, tanto che  il regista Stanley Kubrick decise di girarvi nel 1968 alcune scene di 2001 odissea nello spazio. Colori accesi e fuoco nelle vene, di una  terra ardente appena sotto la crosta con temperature vicine ai 400°.  Nel Parco nazionale di Timanfaya, centinaia di bocche di vulcano sono concentrate con successione ipnotica. È un mare di lava pietrificata, plasmata in sei anni di eruzioni ininterrotte tra il 1730 e il 1736. Il paesaggio è un affresco inquietante come l’inferno, e però seducente e incantevole come un paradiso. Nessun panorama da cartolina qui, solo visioni di tenebra sotto un cielo cobalto: lungo le scogliere nere di El Golfo affacciatevi alle balconate di Los Hervideros, battute da fragorosi flutti, poi in pochi minuti raggiungete le distese di cenere e lapilli di La Geria, dove le acrobazie dell’ingegno contadino hanno eretto una sequenza di muretti a secco per proteggere vitigni che fanno gridare al miracolo, regalando una trinità di malvasie (dolce, semidolce e secca) fra le più aromatiche e inebrianti del mondo.

Ammirate l’opera di César Manrique, geniale artista che sulla tela scabra e disadorna dell’isola ha concepito capolavori di Land Art, un profeta dello sviluppo sostenibile. La sua abitazione a Taro de Tahíche è la sintesi del suo lavoro, con le camere scavate all’interno di una colata lavica o costruite su di essa, sfruttando l’originalità a volte brutale della natura (Taro de Tahíche, Teguise, tel. +34/928843138; www.fcmanrique.org; entrata 8 €).

L’opera di  Manrique è disseminata per tutta l’isola: Los Jameos del Agua, avveniristico auditorium sotterraneo in un insieme di grotte vulcaniche; il Jardín de Cactus di Guatiza, grande anfiteatro di pietra con 1.420 cactus; il Mirador del Rio, con panorama sull’isola di Graciosa e il suo piccolo arcipelago. L’Unesco ha dichiarato Lanzarote riserva della Biosfera, non perdetevela.

DA SAPERE

Il fuso orario è -1 ora rispetto all’Italia, le temperature possono raggiungere i 30 °C, ma sono mitigate dal vento; l’acqua del mare è sui 21 °C.

Arrivare

Ryan Air (www.ryanair.com) vola da Milano, da 28 €, tasse escluse.

Iberia (www.iberia.com)  vola da Milano, Roma, Napoli, Venezia, Bologna, Torino da 212 €, a/r tasse incluse.

Info
In Italia: Ufficio del Turismo Spagnolo, via Broletto 30, Milano; piazza di Spagna 55, Roma, tel. 199906082; www.spain.info
Ad Arrecife: C/ Triana, 38, tel.+34/928811762; www.turismolanzarote.com

Dormire
Hotel Hesperia a Puerto Calero – 5 stelle con piscine, ristoranti e Spa, sulle scogliere di Puerto Calero, a pochi minuti d’auto dall’aeroporto (Urb. Cortijo Viejo, Puerto Calero, tel. +34/828080800; www.nh-hotels.it; doppia con colazione 85 €).

Finca De Arrieta – Eco-lodge a 300 metri dal mare nel nord di Lanzarote, si soggiorna in una yurta, con pavimenti in marmo e letti king size, con spazio esterno privato e cucina (Lugar Dieseminado 34, Haria, +34/696982873; www.lanzaroteretreats.com; doppia con colazione da 90 €).

Caseiro de Mozaga – Casa tradizionale, considerata Patrimonio storico di Lanzarote, si trova nella regione vinicola dell’isola, a pochi minuti dal mare (Malva 8, San Bartolomé, tel. +34/928520060; www.caseriodemozaga.com; doppia da 66,15 €, colazione 10,50 € a persona).

Mangiare

Lilium – Ingredienti freschi e proposte creative mai scontate nel centro della capitale Arrecife (Calle José Antonio 103, Arrecife tel. +34/928524978; menù a pranzo da 15 €).

La Puntilla – Tavoli con vista sulla laguna, nel menù pesce, carne e ottimi formaggi di capra (El Charco de San Gines, Arrecife tel. 0034-928-816042; da 15 €).

Restaurante Bogavante  – Trattoria marinara, i tavoli sono sulla sabbia, andateci al tramonto (Avda. Maritima, el golfo, El Golfo, tel. +34/928173505; www.restaurantebogavante.es; menù da 15 €).