Europe

Montagna al top

Verbier, Megève e Courmayeur sono tra le località più gettonate delle Alpi per le piste stupende, la mondanità e l’accoglienza super chic

Di Deborah Basili

In previsione delle prime nevicate e dell’apertura degli impianti, si pensa anche a dove trascorrere un weekend, le vacanze di Natale o la settimana bianca. Il tour operator Equinoxe ha scelto alcuni chalet, lodge per il gusto degli arredi, l’atmosfera accogliente, e la posizione nei villaggi di montagna più belli delle Alpi, ai piedi dei comprensori sciistici più frequentati, sì per gli impianti, ma anche per la vita e i piaceri riservati al dopo-sci. Equinoxe pensa a prenotare, fare le richieste speciali e risolvere qualunque problema nell’intermediazione, risparmiando non sulle tariffe (che sono quelle ufficiali) ma sulle scocciature di gestire e perdere tempo nella pratica. Questi tre degli indirizzi top del suo catalogo invernale (gli altri si leggono cliccando qui).

Equinoxe
tel. 0118185270
booking@equinoxe.it
www.equinoxe.it

The Lodge-Virgin (Svizzera)

A Verbier, si sa, vanno gli sportivi veri, quelli che cercano le piste più difficili; ma la cittadina alpina si è fatta un’ottima fama anche in termini di svaghi extra sciistici, con pasticcerie, ristoranti e locali alla moda e frequentati. Insomma, diciamocelo, fare le vacanze a Verbier è ancora tremendamente chic. E lo sono anche gli chalet della valle, come il lodge Virgin, proprietà di sir Richard Branson, che ha nove camere, con legni grezzi usati per pavimenti, pareti, tavolini, comode poltrone e sofà sistemati davanti al camino. L’atmosfera è quella di casa, ma i servizi sono da albergo con concierge e personale uno a uno, ristorante gourmet e centro benessere. Per il weekend dall’8 all’11 dicembre: 3 notti in doppia  3.360 € e si tratta di un prezzo molto speciale perché solitamente il lodge viene affittato interamente da 58 a 114 mila euro a settimana (www.thelodge.virgin.com).

Au Coeur des Neiges (Italia)

L’hotel Au Coeur des Neiges, sulla Strada Statale 26 di Courmayeeur, è un gioiello dell’accoglienza: una reception che organizza escursioni, un bel centro benessere, chef e cameriere per preparare la cena nello chalet. In camera c’è sempre legna per il camino e la spesa in frigo (ordinata da voi online prima dell’arrivo). Poi, c’è tutto il resto, 100 chilometri di piste per discesisti, free rider e fondisti (sono per loro i 20 chilometri di tracciato nell’adiacente Val Ferret). Dal 26 novembre, 2 notti e ingresso alle terme di Prè-San-Didier, 140 € a persona (www.aucoeurdesneiges.com).

Le Lodge Park (Francia)

Non sembra proprio di essere in un albergo, piuttosto in un esclusivo club di caccia inglese. Nella 49 camere e suite con vista ci sono mobili in legno rustico, tappezzerie scozzesi, trofei appesi ai muri, divani in tartan e sedie con schienali e gambe in corno. Però siamo sulle Alpi francesi, a Megève, dove ancora si circola su slitte trainate da cavalli e per strada si incrociano facilmente volti noti. Cucina tradizionale e trattamenti benessere a base di estratti di Edelweiss e di altre piante montane. Dall’11 al 24 dicembre, 3 notti con prima colazione, due aperitivi e tre cene, noleggio attrezzature da sci e due skipass 950 € a persona (www.lodgepark.com).